Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca
QT n. 6, 25 marzo 2006 Monitor

Il potere della donna alla Civica

Video, foto, installazioni, su donna ed erotismo. Dove si finisce con il concludere che il "potere delle donne" è nella sensualità. Noi abbiamo delle riserve.

Dopo la claustrofobica installazione di Santiago Serra, la Galleria Civica di Trento dedica un intenso percorso affollato di opere a un tema quanto mai attuale e controverso, il potere delle donne (fino all’11 giugno). Un tema artisticamente à la mode, che anche in Italia si esprime in significativi eventi, come la "Biennale Donna" che lo scorso hanno ha festeggiato i vent’anni.

John Currin, “Dianne” (2001).

Coglie subito il dubbio, addentrandosi nel percorso, su quale sia, in fondo, il potere raggiunto e tanto aspirato: ad accogliere il visitatore sono un video e una fotografia in gran formato di Vanessa Beecroft, che attraverso le solite modelle spersonalizzate e denudate accenna a temi sociali ma in chiave tutt’altro che ribellistica. Stessa perplessità per le fotografie di Richard Kern, erotiche ma d’un erotismo domestico, pieno di luoghi comuni, esibizionista e in parte volgare; un genere che ha certamente il suo pubblico e il suo mercato soprattutto negli States (la Mondo Bizzarro Gallery, prima a Bologna ed ora a Roma, è la galleria di riferimento in Italia), ma che ha a che fare col "potere delle donne" forse solo nell’accezione più banale e scontata, quella di macchina del desiderio sessuale. Stesso discorso per il video datato 1968 di Russ Meyer, regista di pellicole soft-porno oggi al centro di uno dei tanti revival del genere (chissà, forse un giorno una mostra su Alvaro Vitali e la sexy commedia italiana degli anni Settanta?). Di tutt’altra stazza i nudi statuari e giunonici di Helmut Newton, il celebre fotografo di moda recentemente scomparso e oggi al centro di una vasta retrospettiva a Palazzo Reale a Milano, mentre una femminilità magico-mistica è quella che caratterizza le diafane sculture in bronzo e porcellana di Kiki Smith, caratterizzate da una conturbante comunione tra femminilità e animalità.

La mostra, iniziata con la nudità inanimata e moltiplicata della Beecroft, si chiude con l’opposto estremismo del burqa che avvolge integralmente il corpo di una donna araba ritratta da Shirin Neshat, interessantissima artista iraniana che, attraverso fotografia e video, parla con profondità e bellezza della difficile situazione delle donne nei paesi islamici integralisti.

Parole chiave:

Commenti (0)

Nessun commento.

Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.