Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

Buone notizie per chi viaggia

Centro Europeo Consumatori

Grazie alle nuove regole europee approvate il 22 aprile, i cittadini dell’Unione europea potranno, quando si troveranno in viaggio in un altro Stato membro, utilizzare il proprio cellulare per mandare SMS o navigare in Internet, senza dover temere una bolletta astronomica. A partire dal 1° luglio prossimo l’invio di un SMS all’estero nell’UE verrà a costare solo 0,11 euro (IVA esclusa), anziché l’attuale costo medio di 0,28 (ma in Olanda e Portogallo il costo sale addirittura a circa 0,35 euro).

Anche per quanto riguarda il roaming dei dati, l’estate porterà maggiore trasparenza e una riduzione dei costi. Dal 1° luglio, infatti, la tariffa massima per navigare in Internet con un cellulare verrà limitata in tutta l’Unione a 1 euro per megabyte trasferito. Oggi tale costo è in media di 1,68 euro per megabyte (ma in Irlanda si pagano anche 6,82 euro, in Grecia 5,30, in Estonia 5,10). Questa tariffa scenderà ulteriormente: a partire dal 1° luglio 2010 a 0,80 euro, e infine, dal 1° luglio 2011 a 0,50. In futuro al consumatore verrà poi consentito di attivare un meccanismo di blocco automatico del servizio appena raggiunta una soglia di 50 euro (o più) di traffico dati. I consumatori abituati a navigare col cellulare a prezzi meno costosi nel proprio Paese, saranno quindi protetti da bollette inaspettatamente elevate. Gli operatori telefonici avranno tempo fino a marzo 2010 per attuare queste misure.

Per di più, i prezzi massimi per le chiamate in roaming introdotte nel 2007 (attualmente 0,46 euro per le chiamate dall’estero e 0,22 per le chiamate ricevute), verranno ridotti dal 1° luglio prossimo rispettivamente a 0,43 euro e 0,19 al minuto, IVA esclusa. Da luglio 2010 le tariffe caleranno a 0,39 euro e 0,15 e infine, da luglio 2011, a 0,35 e 0,11 euro.

Verrà inoltre introdotto il principio della fatturazione al secondo dopo i primi 30 secondi per tutte le chiamate in uscita e dal primo secondo per le chiamate in entrata. Oggi consumatori pagano circa il 20% in più dell’effettivo tempo di chiamata effettuata o ricevuta.

Parole chiave:

Commenti (0)

Nessun commento....

Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.