Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

Osservazioni di un autotrasportatore

Iginio Pedrotti, Autotrasporti Garda Frigo s.r.l.

In conseguenza dell’aumento spropositato dei costi di gestione e della concorrenza degli autotrasportatori provenienti dai Paesi dell’Est europeo, con le loro diverse regolamentazioni fiscali e previdenziali (molto meno gravose delle nostre) noi non siamo in grado di sopravvivere. Se vogliamo salvare le nostre aziende dobbiamo come minimo avere dallo Stato la possibilità di operare con costi agevolati per sostenere l’azienda e creare una giusta economia nazionale.

Per realizzare questi obiettivi abbiamo bisogno di ottenere alcuni punti indispensabili, con delle modifiche al sistema dell’autotrasporto:

  • Riduzione del costo del gasolio per trazione (vedi altre categorie già agevolate);
  • Riduzione dei pedaggi autostradali in Italia e nella Comunità europea (vedi rimborso);
  • Tariffe chilometriche minime garantite, per eliminare la concorrenza sleale;
  • Per rafforzare la sicurezza occorre modificare l’orario di guida, considerando che il fattore umano riveste un ruolo sempre più importante nella prevenzione degli incidenti.

Per ottenere tutto ciò l’autista non può prendere ordini di pausa o riposo quando lo stabilisce un semplice dispositivo elettronico, che scatta in qualsiasi momento o punto della strada, ovunque l’automezzo si trovi. L’autista è obbligato a fermarsi per la pausa nelle apposite piazzole lungo l’autostrada o nelle aree di servizio e riposare dentro la cabina del camion sotto il sole estivo, come fosse zavorra, spesso senza servizi igienici. Per non parlare del disservizio che conseguentemente si crea nella consegna della merce, spesso deperibile. Un esempio: a volte succede che il tachigrafo segnali il momento di fermarsi per la pausa quando l’autista si trova a un’ora di guida dalla propria abitazione, precludendo la possibilità di un riposo sicuro nel proprio letto e accanto alla propria famiglia. Non sarebbe meglio individuare un certo numero di ore di riposo da svolgersi durante la notte, avendo così una qualità di riposo migliore? A nostro avviso questo sistema garantisce non solo riposo sicuro, ma anche massima sicurezza sulla strada e non di meno puntualità nel servizio.

Siamo sicuri che queste piccole ma importanti precisazioni saranno recepite in maniera positiva da chi dovrà trarne le dovute conclusioni.

Parole chiave:

Commenti (0)

Nessun commento....

Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.