Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

L’esame

Da quando è stata fatta la proposta di introdurre un esame di cultura locale e di dialetto per i docenti non trentini, molti professori sono ricorsi alle ripetizioni private per prepararsi. Uno di questi è Salvatore Paiuolo, cinquantenne napoletano, apprezzato insegnante di matematica al liceo, che ha chiesto aiuto al suo vicino di casa Francesco, trentino doc.

Salvatore: Salve Francé!

Francesco: Ciao Paròl, hat studià qualcos per ancoi?

Sì, Francé, ho studiato. Ma fammi una cortesia: chiamami Paiuolo, non Paròl.

Paròl l’è dialet! Come quel dela polenta, mona! G’hat presente?

C’hai ragione, Francé! Non ci penso mai, mannaggia a me...

Su, basta ciàcere. Parti col’inno.

Ehm... “Si slancian nel cielo le guglie dentate, discendono dolci le verdi vallate. Profumano paschi, biancheggian olivi...”

Bòn, va bèn così.

So anche la seconda strofa!

No, ostrega! Quante volte devo dirtel che la seconda l’ei proibìda? No la ghe pias al Fugatti...

Uh mamma, scusa, scusa ancora Francé...

Pasàm ale filastroche. Dime “Aneghe tàneghe”.

“Anneghe tànneghe, scpinza luggàneghe, scpinza borrèi...”

Ma sacranòm, màsa dopie! E po’, se dis “spinza” no “scpinza”.

Uffa, Francè, io ce la metto tutta. Ma il mio lavoro è insegnare matematica, mica scpinzare le luganneghe!

No so sa dirte. Ma se no te pasi l’esame, i te para a cà!

Madonna santa!

 Provàm cóla traduzión. Sa vól dir “Magnàr pan biót”?

Ehm... mangiare... pane...

E biot?

Ehh...

Biot l’è biot! E me sa che te resti biot anca ti! Vol dir senza companàde, “companatico”! Provàm n’altra: “Vardàr fòr mal”.

Dunque... guardare... ehm... oddio... scusa... non mi sento molto bene...

‘Sa g’hat? No te me farai miga la sceneggiata napoletana? Odio, te sei ben ciepòt per quel...

La pancia... mi fa male... ahhh... dov’è il bagno?

 Zo’n font al coridor, vei che t’acompàgno. Ah, bruta roba el cori cori da esame...