Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

Non disturbare il manovratore

Anche nella parrocchia di Sant’Antonio si terranno le elezioni per il rinnovo del consiglio pastorale. La rivista Comunità in dialogo, nel sollecitare i cristiani all’impegno, informa che ognuno “può chiedere di essere inserito nella lista dei candidati”. Il consiglio pastorale è l’unica, seppure povera, pratica di democrazia nella Chiesa italiana. Dichiaro anch’io la mia disponibilità. Ma il parroco, don Renzo Caserotti, la rifiuta: “Mi sono consultato in Curia” - mi risponde - e poi “Anche Gesù, in maniera poco democratica, si è scelti quelli che voleva (Marco 3,13) e ha lasciato fuori gli altri”.

Il rifiuto è motivato per evitare che invece di “organo di comunione, il consiglio parrocchiale diventi luogo di polemiche per cinque anni”. Conclude: “È una decisione sofferta, non un giudizio sulla tua persona, ma su un eventuale ruolo nella parrocchia”.

Commenti (0)

Nessun commento....

Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.