Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

Pigri e banali

“Giornata estiva da bollino rosso: tutto esaurito nelle località più gettonate, dove le spiagge sono state prese d’assalto da ragazze dalle curve mozzafiato che sfoderano bikini da filo interdentale”. Passiamo alla cronaca nera: cosa fanno i particolari agghiaccianti? Emergono, mentre la vittima, un tempo moribonda o in fin di vita, inevitabilmente lotta fra la vita e la morte. In politica, scomparsi i disaccordi, le discussioni, le divergenze, le contese, le controversie, i dissensi, qualunque contrasto di opinioni è una polemica, mentre la dichiarazione inattesa di un qualche uomo politico subito mette qualcun altro sotto shock. E vorrei avere in banca un euro per ogni volta che negli ultimi tre mesi è stato chiesto a qualcuno (da Berlusconi a Bini Smaghi) di fare un passo indietro. Un vocabolario ripetitivo, stereotipato, volgarmente immaginifico, che punta all’enfasi, frutto di un misto (mix, se preferite) di pigrizia e incultura, di cui è specialista il telegiornale di Italia 1, ma con molti imitatori. Una drammatizzazione che del resto si nota, oltre che nel linguaggio usato, nella scelta degli argomenti trattati, in quello stupore beota, che si rinnova ad ogni stagione, per l’afa estiva o le influenze invernali. Per non parlare della musiche ruffiane e melense che accompagnano certi servizi.

Meno grave ma comunque fastidioso il massacro dell’italiano operato nella titolazione degli articoli dei quotidiani, compresa la colta “Repubblica”. Quella dei titoli è una lingua sincopata che esclude verbi, preposizioni e altri ammennicoli. Qui salta ogni regola: “Ira Napolitano...”, “Furia Calderoli...”, “Bufera Di Pietro:...”, eccetera. Fino al recente “Panico satellite”, che - a parte la forma - è il caso classico di falsa notizia resa vera dalla sua pubblicazione; perché leggendo che la gente era terrorizzata dalla possibile pioggia di rottami celesti, tanti, che pure già sapevano, a quel punto si sono spaventati per davvero.

Parole chiave:

Articoli attinenti

In altri numeri:
Maledette virgolette
Segni dei tempi

Commenti (2)

Tòs

Certo, ma da noi, ad abbassare la media, e quindi a permetterci di considerare la Repubblica un giornale colto, ci sono giornali come la Padania,che i tedeschi se la sognano...

Francesco Passerini

Si ricorda, Dogheria, le grida di Moretti, in "Palombella Rossa", sul viso di una giornalista?
"Ma come parla?! Le parole sono importanti!"
Definisce "Repubblica" un giornale "colto". In Germania ci sono quotidiani che mi paiono molto più colti. Dopo, c'è la Bild che "aggiusta" la media.
Un saluto cordiale
Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.