Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

La Madonna dormiente

A Moena, su Sass da Ciamp, un avamposto roccioso del Latemar posto sopra il Passo di Costalunga a quota 2.130, un gruppo di giovani ha portato in vetta una scultura lignea, in pino cirmolo, che raffigura una donna nuda, serena, che raccoglie il sole della montagna e osserva incantata il paesaggio. Sembrerebbe ideata come controaltare del Cristo pensante, ma le cose non stanno così. Gli animatori di una corsa in montagna “Verticalpeniola” hanno voluto donare alla montagna un simbolo di gioia, di vita, ed anche una certa dose di malizia: la montagna smitizzata dalla solita immagine di severità, legata alla fatica, alla conquista.

La statua è stata portata in vetta a spalla, è pur sempre “alta” un metro, ed il legno è pesante. Non durerà come la predazzite del Cristo, in una decina d’anni vento, neve e sole la consumeranno. Questa donna sotto il suo capo porta lo scrigno con un diario, una raccolta di pensieri, un passaggio di leggerezza e armonia. Tanto da trovarsi definita “Madonna dormiente”.

Parole chiave:

Articoli attinenti

Nello stesso numero:
Croci e Cristi sulle vette

Commenti (0)

Nessun commento....

Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.