Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Propaganda cenerentola

I manifesti elettorali non servono più? Forse, ma finché ci sono sarebbe meglio che gli elettori potessero vederli.

Abbiamo vissuto una campagna elettorale sofferta, con i vertici degli schieramenti impegnati ad offendersi reciprocamente e a promettere l’impossibile. Già l’elettore era sconcertato, colto dalla tentazione dell’astensionismo o nel migliore dei casi rassegnato a votare il meno peggio, nel nome di un controverso “voto utile”, pur di veder interrotto definitivamente il dominio di Silvio Berlusconi. E in questo clima di sfiducia si sono inseriti i bizzarri - diciamo così - comportamenti di molti sindaci trentini, che in decine di situazioni hanno relegato gli spazi elettorali nelle periferie più estreme dei paesi o in luoghi comunque assurdi, perché destinati a rendere invisibili i manifesti stessi.

Ve ne offriamo alcuni esempi provenienti dal collegio di Pergine Valsugana, ricordando che simili situazioni si sono moltiplicati su tutto il territorio; in alcuni casi (ad esempio a Montalbiano, frazione di Valfloriana) gli spazi elettorali non sono nemmeno stati collocati. Qualcuno potrebbe obiettare che la qualità dell’informazione fornita - non da oggi - da questo strumento è talmente povera che gli elettori non ci rimettono granché. Tutto vero. Resta però il fatto che fino a quando gli spazi per la propaganda elettorale saranno previsti dalla legge, i sindaci dovrebbero collocarli là dove i cittadini li possano effettivamente vederli.

Moena: causa i festeggiamenti del Carnevale, vietate le piazze centrali. Gli spazi elettorali sono relegati nel parcheggio più periferico, alcuni addirittura rivolti a monte e in spazi innevati.
Bellamonte (Predazzo): spazi elettorali sistemati all’esterno della frazione, su terreno innevato e rivolti anche verso i prati, dunque praticamente inutili.
Capriana: gli spazi elettorali si trovano dietro alberature e discutibili statue.
Canal S. Bovo: uno scuolabus impedisce di attaccare i manifesti su una ventina di spazi.
Forno di Moena: spazi relegati in un piccolo parcheggio, con le auto e la neve che ostacolano l’accesso sia agli operatori che ai cittadini.
A Tesero la palma d’oro. Nel centro abitato – 2200 abitanti - nessuno spazio elettorale. Tutto relegato nella frazione di Lago, 150 abitanti, lungo una strada ed un piazzale, dove si svolgono i mondiali di sci nordico.

Parole chiave:

Commenti (0)

Nessun commento.

Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.