Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

“Stucchevole giochino”

“Rossi non si è perso nel giochino stucchevole di prendere le distanze dall’era dellaiana...” scrive in un editoriale di Luca Malossini il Corriere del Trentino del 15 dicembre. In queste parole, a nostro avviso, sta il nodo dell’attuale situazione politica-sociale trentina. Un momento in cui, pena il tracollo dell’Autonomia, è indispensabile un deciso cambio di rotta rispetto a quaranta anni di gestione dorotea del potere, e in particolare rispetto al quindicennio dellaiano. Ma da una parte la classe politica annaspa impreparata; dall’altra la classe dirigente - media in testa, tra i quali poi il Corriere è anche il meno conformista - pateticamente cincischia. “Giochino”? Ma di grazia, non è questo il problema, come ogni giorno emerge - dalle Comunità di valle alla biblioteca universitaria, da Metroland all’edilizia - con cui si deve fare i conti? “Stucchevole”? Ma quante volte avete avuto il coraggio di affrontarlo? Quante volte invece avete bacchettato chi nelle istituzioni - pensiamo al capogruppo del Pd Luca Zeni - osava porre in discussione i dogmi dellaiani, anche per voi evidentemente intoccabili? Ce lo ricordiamo tutti quando Dellai, nel tentativo di mettere una pezza sulla fallita speculazione di Isa e soci alle Albere, si inventava un Centro Congressi che comperava per 30 milioni, e se Zeni avanzava dubbi, veniva ricoperto dalle contumelie dell’irascibile governatore, e dall’irrisione servile della stampa. Ora che per recuperare parte di quei 30 milioni si depotenzia la biblioteca e la città, qualcuno ha il coraggio di riconoscere l’errore? O magari di dire che da ora in poi non possono essere gli interessi di Isa, Schelfi & C la variabile indipendente dell’intervento pubblico?

Il fatto è che la brutale contrazione delle risorse provinciali in atto, e ancor più quella alle porte, implicherebbe, come dice proprio il Presidente Ugo Rossi nel suo discorso d’investitura, un radicale “cambiamento di paradigmi, di strategie, di strumenti e di regole del gioco”. Altro che “stucchevole giochino”!

Ma far questo - nei fatti, non nelle indicazioni programmatiche - significa rimettere in discussione un sistema di convenienze e connivenze tanto esteso quanto radicato, che riguarda sia i piani alti che la società nel profondo. Compito duro e complesso, di fronte al quale la politica sembra smarrirsi, e la società non aiutare.

La politica, dicevamo. Con la Giunta Rossi partita con ottimi propositi. Ricordiamo, ancora prima delle primarie Ugo Rossi presentarsi agli artigiani edili in rivolta e trovare il coraggio di dire che il loro settore si è troppo allargato, e non potrà non passare attraverso un doloroso ridimensionamento.

Ora però, alla prova dei fatti, la nuova Giunta provinciale ci sembra molto, troppo confusa. Opera una lunga serie di piccoli tagli nel sociale, tanto più dolorosi (vedi le rette delle Case di Riposo) proprio perchè sganciati da una generale, seria, strategica rivisitazione degli interventi, il “cambiamento di paradigmi” promesso dal Presidente. Il quale sembra incapace di prendere le distanze dalla politica precedente, che forse gli si presenta troppo radicata per essere rinnegata da lui, che fino a ieri la aveva supportata.

Prendiamo tre esempi. Il primo è la Cantina LaVis, azienda troppo legata alla politica e anche per questo entrata in una crisi verticale, con grevi implicazioni giudiziarie. Da essa giungono pressanti sollecitazioni per ulteriori aiuti, per cifre imponenti, 20 milioni di lease back. Nel servizio spieghiamo le diverse ragioni per cui questo “aiutone” sarebbe del tutto improprio e profondamente ingiusto; qui ricordiamo come tutti i lease back, sia nel settore cooperativo che privato, dalla Cantina di Nomi alla Whirlpool, si siano risolti nella chiusura dell’azienda. E la Giunta che fa? Farfuglia, e intanto concede alla LaVis un immotivato dimezzamento dell’affitto su un precedente lease back. Della serie: non abbiamo una strategia, ma diamo contentini.

Ancora peggio nel settore scolastico. Dove si preannunciano nuovi tagli, e al contempo si ribadisce di voler abbattere le scuole del compendio di via Barbacovi e ricostruirle a Piedicastello, nei terreni dell’accoppiata Isa-Schelfi. In nome del “primato dell’istruzione”.

Poi c’è il NOT. Un’avventura, quella della finanza di progetto nella sanità, già finita molto male in altri casi. Ma noi siamo meglio degli altri? Mah... L’annullamento della gara presso il TAR sembra dire il contrario. Eppure Rossi, forse per inerzia, ha deciso di andare avanti.

Insomma una giunta che pare in stato confusionale. Proprio perché non riesce a fare i conti con l’era dellaiana. E allora non ce la fa ad andare oltre lo sterile e oggi improponibile intervento pubblico, soprattutto edilizio, a supporto di potenti e clienti.

Ma sarebbe ingeneroso addossarle ogni colpa. Perché anche la società gli stessi conti sembra non riuscire a farli.

Parole chiave:

Articoli attinenti

Nello stesso numero:
L’istruzione sottozero
A chi serve la Cantina in agonia?
L’ospedale sotto tiro
In altri numeri:
Il pasticciaccio brutto della biblioteca
Giunta Rossi: il nuovo che non avanza
Rossi si dà una mossa
Il crollo

Commenti (1)

cado dalle nuvole Francesco

cado dalle nuvole non leggendo il corriere (gli altri, soprattutto uno, sorvoliamo), ma leggendo questo articolo...
ma ci siete cascati anche voi nella campagna elettorale di rossi? capisco il tipico atteggiamento della sinistra autentica che si tura il naso e vota la sinistra nominale per questioni di "tifo", ma poi stupirsi del tanfo....
ugo rossi ha detto che l'edilizia deve ridimensionarsi? vero, ha detto questo, però in parallelo ha fatto tre mesi a promettere agli artigiani (lui o i suoi candidati) che i contributi all'edilizia sarebbero continuati
le comunità di valle? cambiavano ma restavano... formula magica e via, ognuno si attacchi alle sue speranze
il not? velo pietoso
la lavis? non ne faccio parte, so solo che proprio qui, un commentatore fiducioso diceva "rossi vive a lavis e aiuterà la cantina", diciamo che a pensar male...
aggiungo la paurosa e preoccupante montagna di promesse ed aspettative clientelari in val di sole, dove da ottobre sembra di essere nella napoli di Bassolino o nella sicilia di Lombardo
il problema è che rossi farà rimpiangere Dellai a tutti, già, anche a chi, come me, non ha mai sopportato l'ex governatore, ma almeno fino a un anno fa le idee erano chiare e il percorso conseguente, adesso un governatore evidentemente non all'altezza, schiacciato da aspettive enormi e problemi ancor + grandi, ci propone solo teatrino
stucchevole,. quello si, ed istruttiva, la campagna anti-vespa. Sarà antipatico, avrà detto castronate, ma il giornalista (appunto, un giornalista, mica un ministro) ha detto la sua sull'alto-adige (non su trento, citata solo perchè sotto il Po chiamano trentino l'intera regione) e la cosa può piacere o non paicere. Tutto il polverone sollevato qui (non a roma, non ci si riesce, eleggi panizza e poi ecco...) serve solo a coprire questo ridicolo avvio di legislatura
Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.