Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

Troppi tagli agli anziani non autosufficienti

Vogliamo lanciare un grido di allarme sul rischio della perdita di qualità nei servizi erogati nei confronti degli anziani non autosufficienti. In seguito all’approvazione dell’ultima delibera della Giunta provinciale, che prevede un ulteriore taglio dei finanziamenti per le RSA ed i Centri diurni, ai quali si aggiungono la riduzione dei Servizi domiciliari ed il taglio dei finanziamenti per l’acquisto da parte delle RSA delle attrezzature e degli ausili sanitari, la situazione appare molto difficile.La riduzione dei finanziamenti pubblici compromette infatti la qualità dell’assistenza erogata, come abbiamo avuto modo di verificare nel corso del 2013, con il sempre più frequente ricorso a personale meno qualificato rispetto agli standard adottati in precedenza, oltre al ricorso da parte dei famigliari all’assistenza privata in casa di riposo, con un ulteriore innalzamento delle spese che si aggiungono a quelle della retta. Sempre a carico della famiglia si sono poi aggiunte ulteriori spese per l’acquisto di farmaci specialistici.

Di fronte a questa situazione riteniamo doveroso ricordare all’opinione pubblica che gli anziani non autosufficienti non sono una lobby, né tantomeno un gruppo di pressione. Le loro difficoltà di oggi saranno quelle delle generazioni di domani e pertanto è doveroso che sia l’intera comunità ad assumersi la responsabilità di questi problemi.

AROF - Associazione dei Rappresentanti degli Ospiti e Famigliari delle RSA della provincia di Trento

Commenti (0)

Nessun commento....

Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.