Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

Niente aula per Rostagno

Ora che la sua condizione di vittima della mafia è stata sancita giudiziariamente, si è acceso anche a Trento un dibattito sulla figura di Mauro Rostagno. Un dibattito che poteva concentrarsi su molti aspetti della vita e dell’azione politica di un personaggio che è stato al centro di alcuni nodi critici della recente storia italiana, come il movimento del 1968 e la lotta alla mafia. E che invece ha perso un’occasione ed è scaduto nel più banale provincialismo.

La questione del contendere è la proposta di intitolargli ufficialmente un’aula dell’Ateneo, nella facoltà di sociologia, dove Rostagno fu studente e leader della contestazione proprio alla fine degli anni ‘60. La proposta è stata avanzata poco dopo la sentenza della Corte di Assise di Trapani che, dopo 25 anni, ha condannato gli autori dell’omicidio e indicato il mandante nel boss mafioso Messina Denaro. A farlo è stato Marco Boato, notabile politico da molte generazioni e vicino a Rostagno quando era un giovane militante studentesco cattolico durante le contestazioni.

La risposta dell’istituzione universitaria è stata netta, ed è arrivata in principio dalla rettrice, Daria De Pretis, che pur riconoscendo la significatività della figura di Rostagno, ha ritenuto che intitolargli un’aula fosse inopportuno, in quanto Rostagno è stato un contestatore di “riti e consuetudini accademiche” ed egli stesso “sarebbe stato il primo a contestare questa decisione”. A farle eco il direttore del dipartimento di Sociologia, prof. Giuseppe Sciortino, che opera un’improbabile scissione tra il Rostagno figura “italiana”, cioè un sociologo e giornalista impegnato in lotte cruciali, e il Rostagno “trentino”, semplice contestatore. Come se l’esperienza di militanza politica non avesse costituito una tappa basilare nella formazione di una figura significativa nella storia italiana. Se non fosse bastato, Sciortino arriva a proporre che sarebbe invece felice di accettare dalla famiglia o dagli amici il finanziamento di una borsa di studio che onori la memoria di Rostagno.

Lo si può dire chiaramente: per quanto accettare la proposta sarebbe stato un segno di apertura, che esista o non esista un’aula ufficialmente intitolata a Rostagno nell’Università di Trento non è questione che cambia la vita di molti. A rattristare sono però le motivazioni addotte dalle figure istituzionali dell’Ateneo, che indicano qual è il discrimine nella valutazione del valore che un individuo ha per l’Università: la forma più che la sostanza, l’adeguamento a “riti e consuetudini” più che l’impegno nell’individuare e cercare di cambiare ciò che nella nostra società non funziona. Una posizione profondamente conservatrice, per cui chi contesta, chi propone idee altre, è da considerare un fastidioso estraneo, se non un nemico. Con il che l’Università denigra se stessa, la propria funzione di laboratorio sociale e politico, e rinnega lo stesso circuito della conoscenza, che procede più spesso per confutazioni che non per assensi. Oltretutto dimenticando che 26 anni fa fu lo stesso Ateneo trentino a celebrare ufficialmente il ventennale del ‘68 con ospite d’onore proprio Rostagno; e che oggi nella sostanza un’aula Rostagno esiste già, gestita dal collettivo studentesco nel sotterraneo di sociologia, proponente ogni anno varie iniziative, riconoscibile e riconosciuta su tutti i piani tranne quello formale.

Non resta che augurarsi che la famiglia Rostagno accolga la proposta di istituire una borsa di studio. A patto che sia riservata ai soli studenti contestatori.

Parole chiave:

Articoli attinenti

In altri numeri:
Ricordo di Mauro Rostagno
Marta Losito
“Vietato obbedire”
Ancora il ’68?
Chi ha paura di Mauro Rostagno?

Commenti (1)

Aula Rostagno antonio

Ho partecipato ultimamente all'incontro svoltosi alla Facoltò di Lettere che L'Università promuove annualmente con la popolazione ("L'Università incontra") e ne sono rimasto sconvolto. Non era solo l'assenza di studenti e personale a meravigliarmi, ma l'assoluta assenza di critiche, obbiezioni, pareri contrari...solo l'incenso e il censo celebrativo forniva ai protagonisti istituzionali (tutti presenti) l'alibi per mostrarsi - esenti tasse - all'altezza delle statistiche che copiosamente venivano elargite all'applauso riverente delle autorità.
Peccato che ho perso "l'attimo fuggente" nel momento che il presidente Cippolletta (probabilmente lui stesso scosso da tanta ipocrisia) dava ai presenti la parola...ma nessuno si è fatto avanti...Peccato davvero!
Vi allego in proposito una mia missiva a proposito dell'aula Rostagno. Ho voluto mandarla alla Rettrice senza ricevere nessuna risposta. Ancora peccato!
SIGNORA RETTORE,
mi permetta di farLe giungere una mia corrispondenza con il preside di Sociologia (di allora) che casualmente ho trovato tra la posta elettronica. Stavo per cancellarla, ma ho pensato di farglieLa conoscere.
Non si sa mai.
Cordiali saluti
antonio marchi
Antonio Marchi <antoniomarchi51@gmail.com>
19/05/08
a davide.lavalle
Signor Preside, precedendo l'incontro di martedì, Le invio la lettera
che avevo mandato all'ora preside prof.Mario Diani.
Cordialmente
Antonio Marchi
Da: Mario Diani [mailto:mario.diani@unitn.it]
Inviato: mar 05/07/2005 11.52
A: MARCHI, Antonio
Oggetto: Re: Mauro Rostagno
Caro signor Marchi
la ringrazio per gli auguri di buon lavoro e per i saluti, che ricambio
cordialmente. Del resto avremo modo di discutere.
Suo, MD
At 11:44 AM 05/07/05, you wrote:
>Signor Preside,torno da un viaggio di ricordi. Ho percorso l'Italia in
>bicicletta partendo dalla Facoltà di Sociologia l'11 di giugno e
>terminando il 3 luglio a Telves. Un viaggio nel
>"presente, passato, futuro" per onorare la memoria di Alex Langer e Mauro
>Rostagno ,che ne hanno fatto parte, prima come studenti, poi come generosi
>"portatori" di idee che hanno dato smalto e visibilità alla Facoltà di
>Sociologia e un contribuito importante alla nostra democrazia e libertà.
>Tornando e riprendendo a vivere la mia vita di sempre nel lavoro e nella
>famiglia, leggo che nel suo insediamento ha subito chiarito le sue
>intenzioni, tra le quali una netta chiusura a dedicare un'aula a Mauro
>Rostagno. Non so se l'autorevolezza di un preside sia all'altezza di
>confrontarsi con la vita di Mauro Rostagno... vedo però nella sua
>dichiarazione una inconsapevole voglia di cancellare il passato che il suo
>predecessore ha sempre (giustamente) tenuto aperta. Noi oggi possiamo dire
>di essere più liberi, più aperti al dialogo, più democratici (nonostante io
>ritenga che ancora non siamo un paese civile) grazie alla vita spesa da
>questi uomini (come prima dai partigiani e da chi si è battuto contro la
>tirranide fascista e nazista) conosciuti e no. Mi sono da sempre battuto
>perchè la facoltà che Lei rappresenta dia un segno di riconoscimento a chi
>l'ha frequentata così dignitosamente e continuerò a farlo nonostante Lei.
>Non è detto che nel ventennale (2008) qualcosa succeda.
>La saluto cordialmente e le auguro buon lavoro.
>Antonio Marchi
Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.