Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

Bolzano: una puzza inquietante

Gli effetti di una politica dei rifiuti sbagliata

Un signore bolzanino ha mandato alla redazione di Qt numerose fotografie, che sono state scattate in estate e fino a metà settembre nell’area sottostante Castelfirmiano, dove fino a pochi mesi fa c’è stata per molti anni una baraccopoli di nomadi. Fra ingombranti di vario genere e mucchi di pezzi di cavi elettrici (da cui è stato estratto il rame), vi sono anche rifiuti tossici, amianto e bombole di gas, proiettili (provenienti dal poligono di Monticolo?), batterie d’auto, e molto altro.

Il Nucleo operativo ecologico (NOE)dei carabinieri di Trento ha segnalato la zona alle autorità di Bolzano e della Provincia. Che sono intervenute. Tuttavia le foto sono state scattate dopo che i lavori sono finiti e mostrano che l’area deve essere nuovamente ripulita e soprattutto resa inaccessibile, non solo alle auto, ma anche a chi porta rifiuti a piedi. Da alcune foto scattate prima degli interventi si nota anche la presenza di liquidi. Un funzionario della Provincia ha parlato di “idrocarburi dell’ex azienda del gas”, ma il sospetto è che si tratti di percolati, liquidi provenienti dalla discarica la cui parte principale si trova sopra il castello, ma anche sul terreno dove sorgeva l’insediamento.

Per decenni rifiuti di ogni genere, molti di provenienza industriale sono finiti lassù, senza che sotto sia stato fatto un isolamento. In anni recenti si è lavorato molto e in fretta (lavoro concreto e marketing), ponendo isolamenti sopra l’esistente, per conferirvi i rifiuti della cosiddetta Collina Pasquali, nonostante le indicazioni contrarie dei geologi. Le denunce del proprietario di un maso situato nei paraggi, i cui vigneti venivano bruciati dai percolati, sono state ignorate o ridicolizzate.

In seguito alle osservazioni del NOE, sono stati fatti lavori di drenaggio, con un pozzetto e un po’ di ghiaia, ma ci si chiede se tutto ciò sia sufficiente. Al nostro fotografo è stato impedito di andare oltre da alcuni nomadi che vivono ancora lì in una tenda/baracca.

Questo episodio inquietante è un sintomo, e certo neppure il peggiore, della sciagurata gestione dei rifiuti a Bolzano. Un settore esemplarmente scadente, come dimostrano le strade di Bolzano, da un anno e mezzo piene di rifiuti nonostante la diligenza sorprendente della cittadinanza nel fare la raccolta separata.

Naturalmente ci sono anche gli indisciplinati, e si sa che per tanti anni i comuni “ricicloni” dei dintorni hanno scaricato a Bolzano le loro immondizie, ed è dura perdere le abitudini, ora che sono stati tolti i cassonetti aperti lungo le strade. Le auto arrivano, si fermano davanti alle isole dove stanno i bidoni e buttano lì di tutto. Nelle campane per la plastica, cartone, carta, vetro, finiscono i sacchi di indifferenziata. E le bollette salgono. Il principio del “chi inquina paga”, è stato applicato aumentando le tariffe alle famiglie numerose, ma anche per chi produce un sacchettino ogni due settimane la bolletta ha un costo assurdo.

Il sistema sudtirolese è stretto nella morsa di scelte fatte in passato. Il vecchio inceneritore da 90 mila tonnellate è stato sostituito da uno nuovo da 130 mila. Obiettivo: far soldi con il teleriscaldamento. La Provincia di Durnwalder e dell’allora assessore Laimer hanno preso la decisione e il comune di Bolzano, come al solito, ha detto di sì. Perfino i verdi si sono spaccati: i verdi vincenti sono stati i primi e gli unici al mondo favorevoli a un inceneritore, e contro il principio ambientalista del “no waste, non sprecare, ma recuperare”. Per realizzare la grande opera, è stato acceso un mutuo di 143 milioni, il doppio rispetto alle previsioni. E nel frattempo si è ridotta la quantità di rifiuti da bruciare, nonostante tutti i comuni della provincia conferiscano le loro immondizie all’unico inceneritore.

Chi contestava già molti anni fa le previsioni di crescita esponenziale, non è stato ascoltato. I politici avevano altri obiettivi e non gradivano che la cittadinanza esercitasse il diritto di capire e di partecipare alle decisioni politiche. Ho assistito a penosi momenti in cui professori universitari, ricercatori o medici stimati in tutto il mondo sono stati tacciati di ignoranza dal sindaco di Bolzano (che non è proprio un intellettuale) sulle materie in cui sono esperti, e segnatamente sui costi o sulle conseguenze sulla salute delle emissioni di questi impianti. La Provincia ha pensato solo agli affari e la città ha accettato sul proprio territorio un impianto terribilmente impattante per una località caratterizzata dall’inversione termica per la maggior parte dell’anno.

Poi la Provincia ha ceduto il mutuo ai comuni, ci ha messo di suo 20 milioni, e gli altri 123 sono stati scaricati sui cittadini, 13 milioni l’anno per i prossimi 15 anni. Con la speranza che l’inceneritore faccia affari, teleriscaldando mezza città. Per ora mancano le reti che portano l’energia e il cantiere del nuovo ospedale, che dovrebbe essere raffreddato d’estate, è in alto mare.

L’assurdo inceneritore

Il problema cruciale della politica dei rifiuti del Sudtirolo è che, quanto meglio procede la raccolta separata, tanto meno combustibile ha l’inceneritore. E quindi i conti non tornano. La raccolta separata produce infatti materie seconde sempre più interessanti per il mercato e rende obsoleto il sistema dell’incenerimento.

Oggi quasi tutto può essere recuperato, mentre i rifiuti che escono dal forno sono tanti e tossici e devono finire in discarica speciale. Allora, o si importano rifiuti da altre province, o si bruciano nel forno cose per cui non è stato costruito. Inoltre il nuovo inceneritore ha avuto nel giro di pochissimi mesi diversi gravissimi incidenti, con fuoruscita di nubi inquinanti. A un certo punto i gestori hanno evocato il boicottaggio esterno, un’ipotesi indagata dalla magistratura, ma francamente ridicola e finita in nulla, basata com’era sull’allentamento di alcuni bulloni. All’inizio del 2014 ci sono stati degli abboccamenti fra i due assessori competenti delle province di Trento e Bolzano, per recuperare “combustibile” al di fuori dei confini provinciali, ma giustamente si sono levate voci critiche.

E ora? La politica dei rifiuti ha sistemato in posti ben pagati politici trombati e fatto far soldi ad alcuni, con il solito sistema che il pubblico paga e il privato guadagna.

La raccolta separata, introdotta finalmente nel capoluogo, prevede la raccolta dell’umido separato dal residuo. L’obiettivo è di avere combustibile adeguato al megainceneritore. A quest’ultimo però vengono conferiti rifiuti provenienti da tutta la provincia, e molti comuni non prevedono la separazione dell’umido. Il successo della raccolta separata a Bolzano città è stata una piacevole sorpresa. Un po’ la crisi e un po’ il senso civico.

Ma a che serve? Gli abitanti di Bolzano pagano gli errori dei politici, con le bollette sottratte a ogni principio di responsabilità individuale, e pagano con la loro salute, con la diossina se la temperatura è bassa e con le nano particelle cancerogene quando è alta. Funzionari e politici si indignano quando si mette in dubbio la superiorità del loro bel giocattolo, ma Bolzano e i dintorni la domenica sera puzzano di plastica bruciata.

Puzza ovunque, non solo in una via o un quartiere. Gli amministratori cercano di mettere i quartieri uno contro l’altro, fingendo che l’aria non si muova. Ma la sera di domenica, e sempre più spesso anche in altri giorni, puzza Settequerce, via Duca d’Aosta e Oltrisarco, San Giacomo e piazza Walther. Di plastica bruciata. E qualche volta di catrame. Eppure l’inceneritore di Bolzano, ha detto un tecnico a tal proposito ufficialmente interpellato, non è adatto a bruciare la plastica.

Per molti anni ho avuto a che fare con Adriano Rizzoli e Simonetta Gabrielli di Nimby Trentino. A chi di noi cercava di proporre alternative all’inceneritore e di mettere in luce i problemi di questo sistema primitivo di eliminazione “visiva” dei rifiuti, hanno offerto aiuto disinteressato e generoso, in sapere, presenza, collaborazione, stimolo. Ai lettori e alle lettrici che abitano in Trentino vorrei dire che sono stati fortunati ad avere due persone come loro - naturalmente insieme a tanti altri - che hanno saputo piegare le avidità dei politici all’interesse generale e che, con coraggio, tenacia, sacrificio personale, con un vero movimento di popolo e perfino con un digiuno a staffetta durato anni, hanno fatto sì che la provincia di Trento, a differenza di quella di Bolzano, abbia adottato una politica dei rifiuti capace di futuro.

Parole chiave:

Articoli attinenti

In altri numeri:
La cattiveria di una molecola
L’inceneritore in mezzo ai monti

Commenti (1)

DISCARICA VECCHIA BOLZANO. Ue non sa esiste CLAUDIO

Gentile Redazione
Sono il cittadino di Bz che con suo amico ha segnalato il caso. Mi preme sottolineare che la Provincia, l'Ufficio apposito, solo da 10 giorni conosce esistenza di questa discarica, più grande della Collina pasquali. La Ue tutt'ora non ne conosce esistenza, fatto questo gravissimo. Io e il mio amico
vorremmo sollecitare la Sua attenzione su questione Vecchia discarica di Castel Firmiano presso Frangarto (nelle vicinanze di Ponte Adige) a ridosso della pista ciclabile per Appiano nel suo lato nord e di ENDAS tennis, via Castel Firmiano 47, nel suo lato est. Sono state presentate due mozioni dal Consigliere Paul Köllensperger del Movimento 5 Stelle: Mozione nr. 246/14 del 4.11.2014 ( http://www2.landtag-bz.org/documenti_pdf/idap_320201.pdf ) e dal Consigliere Alessandro Urzì di Alto Adige nel Cuore: Mozione nr. 259/14 del 21.11.2014 ( http://www2.landtag-bz.org/documenti_pdf/idap_320590.pdf ) per far luce su questo annoso problema. Il problema è che il Comune di Bolzano non ha i fondi per affrontare la bonifica, impiegherebbe troppi anni e la discarica è pericolosa. C'è bisogno della Provincia Autonoma di Bolzano. Le chiediamo di presentare una mozione per risolvere la vicenda o perlomeno di sostenere quelle che sono già state presentate. La vecchia discarica è stata chiusa 35 anni fa! Affianco ad essa vi è l’ex gasometro mai realmente bonificato e sopra il quale appena dismesso è stato costruito il parcheggio di ENDAS tennis, presente nei pressi. Non è il massimo giocare a tennis accanto a una discarica cosi pericolosa. Una vicenda del genere dovrebbe chiamare in causa la Procura della Repubblica, a me basta che Lei voti le mozioni sopra indicate, perchè con esse si chiede la messa in sicurezza e in legalità di una vasta area periferica, spesso evitata dai cittadini per i timori che suscita un territorio cosi inquinato.
Mi chiamo Gildo Ettore Guarise, mi permetto quale “prima comparsa” di questa vicenda di illustrare a grandi linee senza creare troppa confusione la situazione attuale del sito. Tutto nasce verso la fine del 2013 dove per motivi personali mi sono trovato fisicamente su tale sito alla ricerca di una gatta che mi è stata illegalmente sottratta. Purtroppo la Procura di Bolzano per voce del Dott. Axel Bisignano ha ritenuto la cosa un’inezia e ha archiviato il mio caso. Tale sito ospita la più grande colonia felina stabile dell’Alto Adige.
Da un primo sopralluogo la prima cosa che è saltata all’occhio è stato una moltitudine di rifiuti ingombranti anche tossici abbandonati ai margini dell’area, ove principia il bosco, in maniera disordinata che in un primo momento sono stati allocati nelle vasche di contenimento presenti sul piazzale in attesa di una loro futura rimozione. Il 14 febbraio 2014 ho fatto regolare segnalazione all’U.R.P. del Comune di Bolzano, mi hanno mandato la solita risposta di rito e tutto si è risolto in una bolla di sapone. Nessuno è intervenuto.
L’area è vasta, e ad ogni passo c’era una sorpresa pericolosa per la salute. Allargando il campo di ricerca nel bosco ho trovato una montagna di bossoli intonsi provenienti dall’attività del Tiro al piattello. Il ritrovamento di numerose bombole di gas nel bosco, di agglomerati di bossoli bruciati e una quantità indefinita di piattelli frammentati e non a formare uno strato superficiale quasi fosse un prato “inerte”, fanno intuire cosa realmente avvenisse in quel luogo. Non trascuriamo il fattore inquinamento da piombo derivante dai bossoli visibili a decine di migliaia e da altre sostanze nocive connesse, il fatto è che l’area boschiva non sia mai stata bonificata procedendo con scavi, è facile intuire che sotterrate le cartucce sono molte di più. I compensi derivanti dal mancato smaltimento dei bossoli stessi, sono andati a chi gestiva il piattello, che era sito sullo stesso piazzale sotto cui vi è la discarica, e chi gestiva il piattello non partecipa nè parteciperà alle spese per la bonifica dalle cartucce e dai cumuli di cartucce bruciate perchè l’Avvocatura del Comune ritiene che essendo le società che si sono succedute nella gestione delle s.r.l. non siano facilmente imputabili e costringibili a pagare il dovuto e allora il costo della bonifica si scarica sulle casse comunali cioè sulla collettività.
Questo è il risultato del secondo prelievo di fanghi e scorie industriali e del percolato. L’arsenico è quasi 300 volte sopra la norma https://teresabz.wordpress.com/2014/12/15/arsenico-e-vecchie-discariche/
Questo è il video del prelievo a 10 metri dalla ciclabile https://teresabz.wordpress.com/2014/12/15/video-discarica-vecchia-castel-firmiano/
Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.