Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

Due idee diverse di paesaggio

Francesco Borzaga

Ho davanti a me due opuscoli assai diversi, giuntimi da mondi geograficamente vicini ma spiritualmente molto distanti. Da una parte vedo l’ultimo numero del “Bollettino del Fondo Svizzero per il Paesaggio”, inviato gratuitamente a chi ne faccia richiesta e che mi arriva con svizzera puntualità. A fronte sta il quaderno “Incontri sul paesaggio - Riflessioni sul futuro del Trentino”, pubblicato dalla Provincia o, per lei, da Trentino School of Management. La traduzione italiana suona: scuola per il governo del territorio e del paesaggio e la sede si trova a Trento in via Diaz 15.

L’approccio svizzero al paesaggio è assai concreto. Il Fondo amministra finanziamenti messi a disposizione dal Consiglio Federale Svizzero e interviene direttamente a sostegno di numerosi, forse di per sé modesti ma concreti lavori sul territorio. Il numero di questi è rilevante: nel 2011, nel giro di soli 20 anni, il Fondo aveva finanziato e promosso oltre 1800 progetti. Da allora l’attività è proseguita. Varia e molto indicativa è la gamma degli interventi: si va dalla rinaturalizzazione di piccoli corsi d’acqua al ripristino di antichi acquedotti (le Waalwege sudtirolesi), dall’impianto di siepi alla posa a dimora di viali e piantagioni di alberi da frutto, tutti rigorosamente ad alto fusto. Si recuperano i muri a secco, si ripristinano zone umide. Un tema importante è la rivitalizzazione delle “selve castanili” nel Ticino e altrove. Recuperando gli antichi castagni in abbandono si ricavano splendidi parchi. Ogni intervento coinvolge le risorse locali e soprattutto il volontariato e la risposta della popolazione è assai valida.

Del tutto diverso l’approccio trentino al tema del paesaggio, la cui fondamentale importanza è ugualmente proclamata. La Trentino School of Management, come deduco dal sopra citato opuscolo e da un paio di contatti diretti, si muove ad un alto livello didattico e scientifico. La sua opera consiste in un “approfondito lavoro di analisi..., nella elaborazione di possibili scenari futuri..., nella costituzione di un’apposita commissione tecnico-scientifica” che a sua volta ha partorito ben 8 gruppi interdisciplinari cui affidare altrettanti incarichi di studio su tematiche individuate dalla Provincia. Hanno poi avuto luogo, a Trento e nelle valli, ben ottoincontro su vari, fondamentali argomenti.

Certamente il risultato finale sarà una montagna di carte e documenti. Non vedo però alcuna relazione diretta con i problemi concreti che affliggono il nostro paesaggio, né vedo un concreto e diretto impegno della nostra illuminata Provincia nell’affrontarli e risolverli. Per quanto mi sforzi, non riesco a scacciare dalla mia mente la famosa definizione di “aria fritta” coniata a suo tempo dal compianto Ernesto Rossi. Né mi aiuta a pensieri più benevoli l’esito non brillante della pianificazione urbanistica provinciale, a suo tempo vantata quale primo esempio in Italia.

Certamente qualche intervento concreto è stato fatto.I biotopi provinciali sopravvivono, sia pur stentatamente e con ben scarso sostegno finanziario. I parchi naturali sono accettati, purché non contrastino con un qualsiasi interesse costituito. Il progetto riguardante l’orso prosegue, accompagnato dalle proteste e dai romantici interventi degli amici di Daniza.

Ma non vedo molto altro. I nostri pianificatori provinciali hanno mai notato le funebri distese di bianche plastiche che sfigurano la val di Non e il resto del territorio? Non sarebbeurgente un qualche tipo di rinaturalizzazione, pur modesta, dei meleti intensivi? Non si potrebbe intervenire sui piccoli corsi d’acqua recuperare zone umide, rinverdire le cave? È impossibile mettere a dimora, come si fa in Svizzera, alberi da frutto di alto fusto per stemperare almeno le sconfinate distese di meleti deformi? L’esempio e l’opera del Fondo Svizzero per il Paesaggio mi sembra meritino di venire imitati. Non vorrei mi venisse risposto che lì siamo in Svizzera, qui in Italia...

Commenti (0)

Nessun commento....

Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.