Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

Valdastico: le ambiguità del PD

Andrea Fogato

Venerdì 25 settembre ho partecipato a Mattarello ad una serata organizzata dal circolo PD locale intitolata “Valdastico perché no?”.

Al termine degli interventi dei relatori mi sono rivolto ad Alessio Manica, capogruppo del Partito Democratico in Consiglio provinciale, ricordandogli che nella prossima seduta del Consiglio sarà discussa una mozione di Filippo Degasperi (M5S) con cui, se approvata, si impegnerebbe la Giunta a “opporsi alla realizzazione sul territorio provinciale del progetto dell’autostrada A31 Valdastico Nord ed a perseguire gli obiettivi dello spostamento del traffico merci dalla strada alla ferrovia e della diminuzione dell’inquinamento atmosferico prodotto dal traffico dell’autostrada A22”. Interrogato su quale sarà la posizione del PD in merito, Manica ha risposto che “la posizione del PD è la stessa del M5S, ma in aula arriverà anche una mozione della maggioranza perché c’è un gioco d’aula che conosciamo benissimo”.

Dopo mesi di incertezze ritengo che i cittadini trentini abbiano il diritto di sapere quale sia la posizione del Consiglio su questa importante questione e mi sembra che il voto della mozione Degasperi possa essere chiarificatore. A parole, il Partito Democratico nel corso di questi mesi si è dichiarato in modo netto e unitario contrario al progetto della Valdastico Nord. Ora che può manifestare la propria posizione nei fatti votando questa mozione si tira indietro perché, in base al “gioco d’aula che conosciamo benissimo”, deve opporsi a prescindere alle iniziative di una forza d’opposizione, anche se le condivide.

Questa prassi, che danneggia gravemente il sistema democratico, è stata pubblicamente ammessa da Manica con una leggerezza che mi ha lasciato sconcertato. Mi risulta, tra l’altro, che il M5S abbia votato favorevolmente diversi provvedimenti del PD, in Parlamento come in Consiglio, quando li ha ritenuti validi.

Tornando alla Valdastico, temo inoltre che la scusa del gioco d’aula serva al PD per evitare di votare un atto politico risolutore e per fare invece passare un provvedimento vago che lascerà noi cittadini nell’incertezza.

Ma che reazione potrebbe avere un elettore del PD nel sapere che il suo partito ha votato contro una mozione che impegnava la Giunta “ad opporsi alla realizzazione sul territorio provinciale del progetto dell’autostrada A31 Valdastico Nord”?

Articoli attinenti

In altri numeri:
L’estate calda della PiRuBi

Commenti (0)

Nessun commento....

Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.