Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

Egregio prof. Renato Bocchi...

Adriano Rizzoli

La ringrazio per il suo chiaro intervento sulle Albere sull’ultimo numero di Questotrentino, così come ringrazio l’architetto Lupo per la sua “arrabbiata”, e motivatissima, nota sulle barbariche invasioni dei salumi. Che dire di una mediocre operazione speculativa (tutta interna ai potentati nostrani col grande nome a giustificarla per far tacere tutti, architetti e urbanisti compresi) che, MUSE a parte, è lasciata alla depressione di un mercato non certo appetito dai nostrani cultori del sapere e della tradizione, sia essa culturale, sociale o urbanistica?

Che ne sarà di un MUSE-cattedrale quando comincerà a scarseggiare la “materia prima”?

Che dire, oltre che dei salumi in bella mostra, della ristorazione da Far West dall’altra parte, a pochi passi dal MUSE... “Il tutto immersi in un’originale atmosfera da saloon ricreata con le originali selle dei cowboy, le carovane, le botti di legno e i totem degli indiani d’America”?

Che dire di quanto in un calendario sempre più vago e precario sull’area di Piedicastello, dall’altra parte di quel fiume canale, o di quella appestata di Trento Nord (tra i siti più inquinati d’Italia) sulla quale l’unica nota di “temerarietà urbanistica” è quella di una parte della maggioranza comunale (e privata?) che se l’è autosponsorizzata con un altro (presunto) grande nome, peraltro oltre il pensionamento?

Lei scrive col cuore e con la passione per questi come altri mille luoghi di questa meravigliosa terra, ed è tanto, non so se ce lo meritiamo per quanto ci siamo rimbambiti, drogati dal “sistema trentino”!

Sì, certo, sembrano maturi i tempi per qualcosa che nasca dal basso e non da regalie a questa o a quella Spa amica.

Comprendo il suo anelito, anche se non capisco quando e come potrà pian piano avviarsi questa mutazione, non solo generazionale. Se non lo possono fare gli ordini professionali, quelli imprenditoriali,... chi?

Anche se è difficile e molto complicato, perché lei (che per fortuna non ha legami particolari con questa Provincia, quando aveva contribuito a quel “Piano per il centro storico” era stato chiaro, forse per questo è poi sparito), assieme alle persone pulite di questa terra, assieme allo stesso arch. Michelangelo Lupo, non cominciate a parlare e ragionare su qualcosa che possa veder piantato un seme, e pian piano vedere qualche timido germoglio? Buon lavoro.

Commenti (0)

Nessun commento....

Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.