Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

Cime Tempestose, febbraio 2016

Un brutto risveglio

“A Colonia 5 patrioti pestano a sangue pakistani e siriani. La Germania si sveglia”.

(Riscattonazionale.it, 11 gennaio)

L’ultimo complotto

“È tutta una montatura, ci raccontano una cosa finta. Qualcuno ha approfittato della situazione mettendo in mano agli immigrati dei soldi e spingendoli a fare certe cose. L’obiettivo è colpire la Germania, che ha la responsabilità di avere aperto agli immigrati, estendere il disordine, la paura e la guerra. Esiste un centro politico che vuole questa cosa. Che non è composto solo da quelli che hanno finanziato l’Isis. Sono spezzoni dei servizi segreti americani, israeliani e di altri Paesi. Sicuramente la Turchia e l’Arabia Saudita. Persone che hanno miliardi da spendere, ricchi che vogliono creare il disordine e la paura nell’Europa. Una specie di Spectre, come nei ‘Tre Giorni del Condor’ di Pollack”.

(Giulietto Chiesa, Radio 24, 13 gennaio)

Politiche migratorie

“Ecco la mia ricetta per risolvere il problema dell’immigrazione: anzitutto sequestrare i loro beni e i cellulari. Poi, non potendo fargli indossare le mutande di ghisa, gli farei delle iniezioni di bromuro. Infine gli impianterei dei microchip sottopelle per seguirli”.

(on. Gianluca Bonanano, Lega Nord, Radio 24, 14 gennaio)

Servizi pubblici

“Quando i vigili del fuoco di Padova hanno ricevuto la telefonata con la richiesta di intervento per aprire un lucchetto e si sono presentati a casa della signora di mezza età non credevano ai loro occhi: la donna ha alzato la maglia, abbassato i pantaloni, e mostrato una cintura di castità in ferro. I vigili del fuoco hanno tranciato il lucchetto, limitandosi a indagare se non avesse subito violenza. Lei ha spiegato che era stata una sua libera scelta. Se fosse un gioco sadomaso, una punizione autoinflitta, o la decisione di perdere l’illibatezza non è dato sapere”.

(Il Mattino di Padova, 16 gennaio)

Lessico famigliare

“Troppi si indignano facilmente... Frocio e finocchio sono parole che si usano anche in famiglia, tra amici, tra persone a cui si vuole bene, e per le quali c’è rispetto... È un lessico innovativo che a volte rende sinteticamente bene il concetto”

(sen. Vincenzo D’Anna, ALA, 20 gennaio)

Carta sprecata

“UPT, Betta si è dimesso e accusa: regole violate”. “UPT: entro giovedì accordo o rottura”. “Altre dimissioni, congresso a rischio”. “UPT, nuovo strappo. È scontro finale”. “Conzatti va all’attacco di Dellai: ‘Anche Lorenzo è incompatibile’”. “. “Ritiro della candidatura: Dellai gioca la carta dell’Aventino”. “Fravezzi: ‘I nodi restano, aspettiamo Mellarini’”. “Fravezzi: ‘Direi che sembra Casa Vianello’”.

(Titoli dell’Adige, 16-30 gennaio)

Commenti (0)

Nessun commento....

Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.