Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

La vicenda di Alex Schwazer

Quando, nel 2012, Alex Schwazer fu trovato positivo al doping, ricordo con molta amarezza e tristezza la sua confessione pubblica, il suo pianto, vero e sincero. Devo dire la verità, da appassionato di corsa e da iscritto alla Fidal da diversi anni come maratoneta dilettante, non ebbi alcuna pietà e quelle lacrime non mi commossero minimamente, anzi mi fecero arrabbiare ancora di più. La squalifica fu comminata, giustamente e lui, sommessamente, sparì dalla scena e incassò la pena, sopportandola fino alla fine, senza sconti. Quando, poi, riprese a gareggiare, lo sapeva benissimo che sarebbe stato super-controllato, e così è stato. Una ventina di controlli in meno di sei mesi, tutti negativi. Poi, arriva quello ormai famoso dei primi di gennaio. Fatto in maniera scorretta, dato che era indicata la località di prelievo, prassi non prevista dalle regole internazionali. Il primo responso sul quel prelievo è negativo, poi salta fuori che viene ricontrollato e risulta positivo. Ahia, primo segnale di puzza strana! Ma la positività viene resa nota solo mesi dopo, solo dopo la vittoria di Alex alla marcia di Roma, dove - guarda caso - ha rotto i piani della nomenklatura dell’atletica, che non lo voleva vincitore. Ahia, secondo segnale di puzza stranissima, dato che ci sono anche intercettazioni di un commissario che, prima della gara, invita Schwazer a non vincere la stessa. Lui invece la vince eccome!

I tempi sono stretti per una difesa, Alex viene umiliato, come non si farebbe nemmeno per il peggiore dei delinquenti. Data procrastinata all’infinito, sembra proprio per chiudere il tutto definitivamente.

Lui ha sempre professato la sua innocenza. Ovvio, si dirà, ma rammento che così non fece quando fu beccato nel 2012. Ma perché dopo aver ammesso nel passato di essersi dopato e aver pagato salato per l’errore, avrebbe dovuto ricadere? Ti viene da dire che è pazzo o scemo, dato che sapeva di essere supercontrollato. Ma non è così, lui sta pagando per motivi più grandi di lui. Qualcuno ha voluto colpire il suo allenatore Donati, vero paladino della preparazione anti doping? Forse.

E che dire del fatto che ci sono di mezzo interessi economici e di potere che nulla hanno a che vedere con lo sport? Se una persona è dopata non può avere 18 controlli negativi e uno positivo, leggermente alterato. O sono stati truccati gli altri 18 o è stato truccato l’altro. E, per la legge del buon senso e delle logiche probabilità, visto come è stata gestita la partita del campione positivo, appare evidente dove sia l’alterazione. Incredibile che chi crede davvero nello sport riesca ancora a credere in questi controlli.

Per quel che mi riguarda, ed è ovviamente un’opinione del tutto personale, tutti gli atleti potrebbero essere dopati! E tutti gli atleti sono ricattabili, con questo sistema dei controlli che possono essere manipolati ad arte. O quanto meno mi rimarrà sempre un grande dubbio. Che grado di affidabilità si può dare ad organismi del genere, che hanno medici sotto indagine, che nascondono per anni situazioni fuori norma?

Qui ci perde lo sport, non solo Schwazer. E che dire dei vertici dell’atletica italiana o dei politici italiani? Tutti zitti sulla questione, perché probabilmente in cambio del silenzio sulla vicenda le olimpiadi del 2024 si potranno tenere in Italia? Schwazer e Donati usati come merce di scambio. Il dubbio che sia tutta una questione di affari e di contropartite è molto alto, troppo per la credibilità dello sport. In parole povere, un vero e proprio schifo!

Commenti (0)

Nessun commento....

Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.