Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

Scuola: scioperi rituali

Fa un po’ pena la stanca ritualità degli scioperi e delle manifestazioni studentesche di oggi a Roma e a Milano. Condannati alla coazione a ripetere, a inseguire il mitico Sessantotto ormai morto e sepolto, ripetono i soliti slogan, che andavano bene quando la scuola era severa, selettiva, rigorosa. Gridare oggi: “Vogliamo contrastare un modello di impresa basato sulla competizione e la valutazione punitiva, esigiamo una scuola democratica e inclusiva”, significa essere fuori della realtà, fuori della storia. Chi vive nella scuola sa che questa è tanto inclusiva da non richiedere più quell’impegno che le generazioni anziane hanno conosciuto. I dati statistici lo documentano. Le promozioni sono assicurate a tutti o quasi.

Gli studenti seri e documentati dovrebbero volere una scuola che chiede più impegno, più ricerca, più studio. Per il loro futuro, per competere a livello mondiale, con i giapponesi e i cinesi... e non solo.

Commenti (0)

Nessun commento....

Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.