Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

Niente elicotteri in montagna

Il Consiglio Direttivo di CIPRA Italia

Da anni CIPRA denuncia come l’Italia sia l’unico paese alpino sprovvisto di una normativa in materia di voli a motore in zone di montagna. Ricordiamo i problemi causati dal sorvolo a bassa quota, da quelli ambientali causati dal rumore, al rischio di provocare il distacco di valanghe, al disturbo arrecato ad altre pratiche sportive, in particolare lo scialpinismo, o in generale ad altre forme di fruizione silenziose della montagna, negli ultimi anni in crescita.

Per il trasporto in alta quota di poche persone intere valli sono costrette a subire per ore il rumore di un elicottero. Per la fauna selvatica, specie nel periodo invernale, il rumore dell’elicottero può essere fatale o provocare l’abbandono dei quartieri di svernamento verso aree meno appropriate.

Apprezziamo il fatto che il Ministero dei Trasporti, rispondendo ad una interrogazione degli on. Borghi e Realacci, abbia comunicato l’intenzione di affrontare il problema dell’eliski e del sorvolo a bassa quota con velivoli a motore in zone di montagna; e auspichiamo che l’impegno del Ministero dei Trasporti e del Governo porti ad un chiaro sistema regolatorio dove sia consentito e normato l’utilizzo dei velivoli destinati a voli di soccorso, servizio, protezione civile, etc., ma dove venga vietato l’utilizzo ludico dell’elicottero (eliski ed eliturismo in primis), così come previsto a suo tempo nel disegno di legge che arrivò ad un passo dall’approvazione del Parlamento, in larga parte condiviso da tutte le associazioni e dall’ENAC, e dal quale invitiamo il Governo a ripartire.

Diversamente da quanto è stato erroneamente riportato da alcuni organi di stampa, non proponiamo una regolamentazione dell’eliski, ma un divieto generalizzato per i voli a motore a fini ludici. Una regolamentazione, come ad esempio quella recentemente adottata in Valle d’Aosta, che apre le porte a un numero crescente di comprensori sovra comunali dove il volo è consentito, non risolverebbe il problema, ma andrebbe a legittimare una pratica dannosa e pericolosa per la montagna.

Continua a leggere

Commenti (0)

Nessun commento....

Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.