Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

La lezione di Padova

Arturo Lorenzoni

Dentro una sconfitta elettorale senz’appello alle amministrative di giugno, il centro sinistra può in parte consolarsi con la vittoria al comune di Padova. Avevamo accennato alle vicende della città sul numero di maggio con un’intervista ad Arturo Lorenzoni, candidato sindaco di una compagine “civica”, capace di raggruppare istanze e mondi diversi e di prosciugare il bacino elettorale (almeno quello più orientato a sinistra) del Movimento 5 Stelle. Al primo turno Lorenzoni otteneva un lusinghiero 22,83%, che però non gli consentiva di andare al ballottaggio. La sfida era dunque tra Massimo Bitonci, un distillato del peggior leghismo appoggiato pure dal patavino avvocato Niccolò Ghedini, che incredibilmente superava il 40%, e il candidato del PD “ufficiale” Sergio Giordani che si fermava al 29,20%.

Sergio Giordani

Quest’ultimo, imprenditore e presidente del calcio Padova, è un’espressione perfetta del renzismo in quanto aperto alle componenti moderate e di centro, inglobando addirittura nella sua coalizione degli ex forzisti dissidenti. Tuttavia Lorenzoni e Giordani sono riusciti a mettere tra parentesi le notevoli differenze politiche e si sono apparentati, presentandosi con quel “centrosinistra allargato” auspicato dai più anche a livello nazionale. Occorre però sottolineare – anche guardando complessivamente ai risultati – come Bitonci fosse un candidato davvero impresentabile, razzista e volgare. È quindi inquietante che abbia raggiunto il 48,16%, praticamente solo contro tutti.

Al duo Giordani-Lorenzoni spetta ora un compito difficile: governare bene una città complessa, ma anche proporre quelle innovazioni, soprattutto nel campo della partecipazione e dell’inclusione sociale, promesse in campagna elettorale.

Parole chiave:

Articoli attinenti

In altri numeri:
A Padova si può fare, a Trento no

Commenti (0)

Nessun commento....

Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.