Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

Cime Tempestose, febbraio 2018

Start up

“Nebbia friulana in barattolo: la comprano anche in Usa e Inghilterra. Raccolta lungo il fiume Stella nella settimana del solstizio di inverno e nelle notti di luna piena, viene messa in vendita per beneficenza. Tante le richieste. E ora arriva la confezione per i romantici: la terra dove passeggiavano i veri Romeo e Giulietta”.

(Repubblica.it, 10 gennaio)

Regina pacis, ora pro nobis

“Di ritorno da un viaggio a Medjugorje, il 49enne di Bosentino riportò a casa due sorprendenti e pericolosi souvenir: un kalashnikov modificato e una pistola di fabbricazione croata”.

(L’Adige, 29 dicembre)

In fondo è umano...

“Febbre e raffreddore. Oltre alla tachipirina, avete altri consigli?”.

(Pagina Facebook di Matteo Salvini, 7 gennaio)

Aria nuova, aria pulita

“Circolano in questi giorni diversi nomi di possibili candidati alle elezioni politiche per il centrodestra... Alcune ipotesi rasentano il ridicolo, e non sono da prendersi in considerazione. Degno di profonda attenzione è invece Mario Malossini, che potrebbe finalmente ricevere il meritato riconoscimento romano che già due volte in passato gli fu negato in base a scelte di partito scellerate”.

(Lettera all’Adige, 11 gennaio)

Il vizietto

“Il Movimento ha sempre detto che noi vorressimo fare un referendum sull’euro...”.

(Luigi Di Maio su Primocanale, 11 gennaio)

Dialogo interreligioso

“Acquista online, con dedica personalizzata e firma autografa dell’autore, l’ultimo libro di Magdi Cristiano Allam, “Il Corano senza veli” a soli € 10 +sped. La verità sul libro sacro dell’Islam in cui il dio pagano arabo Allah legittima il suo messaggero Maometto a combattere ebrei, cristiani, apostati, adulteri e omosessuali, esortando i musulmani a morire da martiri fino a quando non sottometteranno l’intera umanità per conquistare il Paradiso delle vergini perpetue”.

(Pagina Facebook di Magdi Cristiano Allam, 5 gennaio)

Migranti

“Il mio percorso - spiega Manuela Bottamedi - è iniziato con il Movimento 5 Stelle: la più grande delusione della mia vita, soprattutto perché il movimento è cambiato totalmente. Ho sempre portato me stessa, ovunque io sia andata. Anche al Patt, dove inizialmente mi era stato chiesto di dare il mio contributo con la mia sensibilità, ma ero un burattino. Credo di aver dimostrato coraggio e mai opportunismo politico, altrimenti sarei rimasta dov’ero. Potevo starmene lì a fare il pesce rosso, ma non è così che voglio fare politica”.

(ildolomiti.it, 13 gennaio)

Commenti (0)

Nessun commento....

Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.