Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

Trento e Rovereto Estate

Per chi passerà l’estate in città, gli appuntamenti non mancano. Piuttosto interessante, ma nella norma, il calendario teatrale: "Parchi d’estate" e "Teatro Ragazzi" confermano una certa attenzione alla qualità. Inoltre, alcuni spettacoli saranno replicati da luglio a settembre in diversi luoghi, così da rendere possibile una fruizione più ampia delle proposte. Da non perdere "Uomini e topi", "Seppellitemi in piedi", "Periplo mediterraneo" e "Hansel e Gretel", quest’ultimo adatto ai bambini seppure a pagamento.

Vario e coinvolgente è poi il programma di "Storie a memoria", che conta su rassegne come "Musica nei castelli", le accattivanti "Seduzioni in villa", "Nei borghi" (con carri allegorici e artisti di strada), "Il gioco dei castelli" (tra festini di caccia, danze, costumi, spiriti e congiure). I migliori restano comunque "Dalla guerra alla pace" e "All’armi all’armi", grazie a buone se non ottime rievocazioni storiche, che sfruttano al meglio ossari, forti e castelli - veri e propri "giacimenti culturali" del territorio - ricostruendo battaglie ed episodi locali. A completare il quadro le immancabili esposizioni.

Ricco anche il ciclo "Natura", dedicato a vari temi: l’acqua (preponderante e quindi più sviluppato), la fabbricazione della carta, l’ecosistema del bosco, le erbe e i funghi, e così via. Il tutto attraverso attività molto diverse: dalle escursioni ai laboratori, dall’orientiring alle mostre.

Non va altrettanto bene con la rassegna "Cinema sotto le stelle", abbastanza scarna, e con "Tornare al fiume", che non solo conta appena due date, ma relega l’Adige a una mera cornice per concerti. La musica invece è ancora un piatto forte del contenitore di Trento Estate: ben 34 appuntamenti tra folk, rock, classica, etnica e pop, più varie ed eventuali. Segnaliamo, in particolare, "Concentratissimo Rock". Anche la danza trova il suo spazio nel consolidato "Oriente Occidente", mentre "Pergine Spettacolo Aperto" coniuga musica, cinema e percorsi di riflessione su Hiroshima in "Vie d’Oriente". Notevole.

Rispetto a Trento, Rovereto punta maggiormente su musica, cinema e cabaret, senza mettere da parte gli spettacoli per bambini e gli incontri culturali per adulti. Quasi assente il teatro, che si limita a sparuti appuntamenti, tra cui due nel calendario di "Rovereto Venexiana". Quest’ultima manifestazione, del resto, è sempre più orientata verso la rievocazione storica, il che - tradotto - significa strade e piazze popolate da maschere, cuochi, mercanti, ciarlatani, saltimbanchi… Più qualche video, happening e rappresentazione.

Nelle date musicali, spiccano folk e classica, assieme ai cosiddetti "voci e suoni dal mondo": concerti in cui è possibile ascoltare sound tipici del resto dell’Europa (Gran Bretagna in testa). Sacrificata al massimo la danza, con appuntamenti prossimi allo zero; mentre il cabaret ha qualche buona carta da giocare, in primis il palermitano Francesco Rizzuto.

I film proposti sono quelli, italiani e stranieri, della stagione 2004-2005; ma c’è anche il perfetto e affascinante "L’infernale Quinlan" di Orson Welles (in chiusura, non a caso, della rassegna "Lo specchio scuro. Capolavori del noir hollywoodiano"). Curiosa, poi, "Cinema Estate Food on Film", un’iniziativa che si colloca all’interno del variegato calendario di "Mescolanze Food Festival 2005". Il cibo, oltre ad occasione godereccia, diventa lo spunto per una riflessione sul nostro rapporto con esso e con noi stessi, attraverso pellicole opportunamente selezionate e – spesso – divertenti, degustazioni, incontri sull’acquisto solidale, persino "la lunga storia dell’aperitivo italiano". Per tutti i gusti, come si suol dire, dal più svagato al più impegnato.

Infine, i bambini potranno divertirsi a cavalcare fino a un (ricostruito) villaggio indiano, seguire il "microcosmo fantastico dei topolini", oppure le gag di un clown fra strutture gonfiabili. Anche gli adulti, però, avranno qualche momento per se stessi. Segnaliamo, in proposito, gli incontri sul nucleare nel 60° anniversario di Hiroshima e Nagasaki. Sapete se è possibile costruire una bomba atomica nel vostro garage? No? Avrete modo di scoprirlo.