Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

Numeri pubblicati QT n. 21, 10 dicembre 2005

QT n. 21, 10 dicembre 2005

copertina del QT n. 21, 10 dicembre 2005

L’editoriale

Aspettando la liberazione

Il clima plumbeo della politica nazionale, e la speranza di una svolta con le prossime elezioni.

Renato Ballardini

Cover story

La cultura molla dell’economia: funziona?

Siamo nell’economia della conoscenza, in cui la risorsa fondamentale sono i cervelli; bisogna crearli, non farli fuggire, attrarne altri. Come l’Italia - e ancor più il Trentino - (non) sono attrezzati per questo, cosa si può e deve fare. Un importante e bel convegno a Rovereto, sulle scelte di fondo, al di là delle scaramucce politiche.

Ettore Paris

Quindici giorni

I satrapi e il Governatore

Le critiche di Costruire Comunità, le reazioni inconsulte di Lorenzo Dellai e dei suoi. Quando il "dispotismo illuminato" del Presidente non riesce a nascondere i problemi.

Ettore Paris

Quello che a Galan si dovrebbe dire

I motivi veri per cui si può rivendicare la specificità del Trentino: l'autogoverno secolare, la cura del territorio, il volontariato, le sperimentazioni politiche... Ma sono proprio i valori annacquati nella rincorsa di modelli altrui.

Walter Micheli

Servizi

Stop alle seconde case: è una cosa seria?

Una legge accettabile sembra voler porre rimedio allo sperpero di territorio e risorse rappresentato dalle seconde case. Ma si tratta di buone intenzioni, tutte da verificare.

Walter Micheli

Da via Suffragio a Las Vegas

Viaggio nelle esagerazioni del tempio americano del gioco, dove spennare i polli è un'industria. La triste umanità dei casinos, e quella delle nostrane sale del Bingo.

Ugo Bosetti

La donna del soldato

Una singolare mostra di cartoline al Museo della Guerra di Rovereto.

Nadia Ioriatti

Rubriche

Le Voci dell’Italietta

Davanti alla Tv, manipolati e contenti

Giulietto Chiesa, giornalista e parlamentare europeo, parla dei guasti di questa televisione. Da L’altrapagina, mensile di Città di Castello.

Achille Rossi
Lettera da Innsbruck

Fretta di fine legislatrura

Cementificatori al lavoro in modo da presentare, a una probabile nuova maggioranza, una situazione senza ritorno.

Gerhard Fritz
Lettera dall’altro mondo

La guerra dell’acqua

Chi deve gestire le risorse idriche? Un dibattito molto acceso che dovrebbe interessare anche gli italiani.

Antonio Graziano
Abbiamo letto

“Riviste d’arte d’avanguardia”

Giorgio Maffei e Patrizio Peterlini, Riviste d’arte d’avanguardia. Gli anni Sessanta/Settanta. Ed. Silvestre Bonnard, 2005, 36.

Duccio Dogheria

Monitor

“L’enfant”

Il film dei fratelli belgi Dardenne racconta con stupefacente nitore la vicenda di due emarginati. Un uso straordinario della macchina da presa, che riesce in pieno nell'arduo compito di avvicinarci, coinvolgendoci in pieno, alla marginalità.

Alberto Brodesco

Keith Emerson, Mr. Novecento

Piacevole revival di un gran virtuoso, che in un concerto attraversa tutta la musica del secolo scorso.

Vittorio Caratozzolo

Troiane irakene e d’Algeria

Della Compagnia Teatro Arsenale una riproposizione del testo di Sartre/Euripide che parla sempre delle guerre dell'oggi.

Stefano Scardicchia

Finalmente “Enrico IV”

Dallo Stabile di Bolzano, una solida (e saggiamente accorciata) edizione del dramma storico shakesperiano, con cui pochi si cimentano.

Stefano Scardicchia

Leonardo, ingegnere delle acque

I progetti idraulici (proposti attraverso ottimi modellini computerizzati) dell'ingegner Leonardo Da Vinci per rendere più efficiente la città di Milano.

Stefano Benati

Un bel concerto troppo educato

Profondamente colto l'apprezzato concerto del duo Tobia Revolti (violoncello) e Roberto Plano (pianoforte). Forse però, qualche spigolo in più...

Marco Longo

Piesse

Sfogliando s’impara

Satrapi che spalano merda

In politica vanno di moda le espressioni colorite. Va bene, ma che abbiano un senso...

Carlo “Tòs” Dogheria

Lettere e interventi

Il diritto e il suo rovescio

Incredibile ma vero

L'odissea burocratico-giudiziaria di un povero Cristo e la storia poco convincente di un rapinatore dall’odore indimenticabile.

Giorgio Tosi