Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

Numeri pubblicati QT n. 2, 26 gennaio 2008

QT n. 2, 26 gennaio 2008

copertina del QT n. 2, 26 gennaio 2008

L’editoriale

Cover story

L’inceneritore è inevitabile?

In queste settimane di emergenza napoletana, una sequela di analisi, imprecise o addirittura strampalate, ha annegato il pubblico in un mare di disinformazione sulla questione-rifiuti. Proviamo a fare un po’ di chiarezza, con un'intervista-dibattito sull'alternativa raccolta differenziata/inceneritore tra due tecnici (teoricamente) su fronti opposti.

Marco Niro

Quindici giorni

Le scuole e gli affari

Le scuole, l'ultimo pretesto per far fare affari d'oro ai soliti noti. E così, oltre a regalare milioni (pubblici) ai milionari, si vorrebbe togliere la città ai giovani, e i giovani alla città.

Ettore Paris

Servizi

Quale storia dell’autonomia? / 3

Gli esiti di un corso per insegnanti sulla storia recente della nostra regione. Molti gli interventi, poco dibattito, sollievi e preoccupazioni su una possibile invadenza della politica.

Emanuele Curzel

La Cogo, l’arte e la creatività umiliata

La disputa tra Mart e Galleria Civica, tra Accademia e Scapigliatura. E l’assessore che, invece di mediare, diventa pasdaran di una parte. Con il bel risultato che...

Ettore Paris

Rubriche

Le Voci dell’Italietta

In cerca di giovani

Servizi sociali per anziani fra meriti storici e nuove difficoltà.

Leonardo Tancredi
ProMemoria

“Le poche cose”

Paolo Tagini, Le poche cose. Gli internati ebrei nella provincia di Vicenza 1941-1945. Con un contributo di Antonio Spinelli. Sommacampagna, Istrevi- Cierre, 2006, pp. 380, 14,50.

Paola Antolini
Lettera dal Sudtirolo

Bilinguismo di classe

Imparare davvero l’altra lingua? Basta andare in una scuola privata...

Alessandra Zendron

Monitor

Capricci del corpo

Abbandonate le atmosfere cupe e i significati tragici e profondi del suo recente teatro-danza, la compagnia Abbondanza-Bertoni ritorna alla danza ilare, sfiziosa, tutta giocata sull'astratto movimento dei corpi e un serrato dialogo con la musica.

Giorgia Sossass

“Io sono leggenda”

Dall'omonimo grande romanzo di Richard Matheson, un piccolo film alla moda, velocissimo, con una grande ambientazione in una New York spettrale, e poco altro.

Alberto Brodesco

Piesse

Lettere e interventi