Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

A chi serve la Cantina in agonia?

Ancora un bilancio imbellettato (dice la Vigilanza) eppur disastroso (-27 milioni nei quattro anni dell’Ad Zanoni); i contadini sempre sottopagati (-30%); dure sentenze dal Tribunale; il buco che si allarga nella società (banche e melicoltori). Chi ci guadagna con questa Cantina? Una società di Verona, cui il veronese Zanoni svende i beni della LaVis.

All’assemblea della Cantina LaVis del 30 dicembre, per la prima volta si è registrata una robusta opposizione all’imperante amministratore delegato Marco Zanoni. I contadini lavisani, dopo anni di sudditanza prima alla triade Giacomoni, Peratoner, Andermarcher, poi a Zanoni, anni di imbarazzante credulità, di clientelare ottusa fiducia nei miracoli degli uomini contigui ai politici, hanno dato chiari segni di insofferenza verso una situazione che li vede, da anni, sottopagati.

Bene, meglio tardi che mai. Comunque è certo che oggi è già tardi, e domani - quando l’insofferenza potrà tradursi in effetti concreti - rischia di essere troppo tardi.

Il perché lo vediamo dai dati e fatti di questo servizio.

Il bilancio 2012-2013

Il primo numero che salta agli occhi è la perdita: 6.743.669 euro; che aggiunti a quelli degli esercizi scorsi fanno, nei quattro anni della gestione Zanoni, 27,4 milioni. Altro che “il rilancio è in atto”, “segno più” eccetera, come hanno recitato per tutto l’anno le veline di Zanoni, prontamente riprese nelle pagine economiche dei quotidiani (che magari riescono a leggere come positivo - vedi l’incredibile Trentino del 20 dicembre - anche questo bilancio! Miracoloso poi il caso del Corriere del Trentino che, esplicitamente minacciato di querela in assemblea dal burbanzoso Zanoni per un articolo vagamente critico, il giorno dopo scrive un pezzo in cui il bilancio è tutta una serie di successi e di segni più. Anzi, a dire il vero a leggere i quotidiani non riusciamo a capire da dove provengano i numeri riportati, a volte sembra si parli di un’altra azienda).

I nostri numeri invece - che provengono da Zanoni ma sono quelli ufficiali depositati in Camera di Commercio e da noi integrati con i rilievi della Vigilanza cooperativa, portano il segno meno generalizzato. Anche nel fatturato, sceso da 91,7 milioni a 84,7, sette milioni in meno, non sono tutti imputabili alla dipartita dei melicoltori, che hanno pensato bene di abbandonare la Cantina.

La posizione finanziaria netta (i debiti, depurati dai crediti) è migliorata di pochissimo, i debiti scendono da 75,8 milioni a 74,9.

Queste dunque le cifre del bilancio. Che però vengono contestate dalla Vigilanza cooperativa diretta da Enrico Cozzio. Che anche quest’anno, come negli scorsi esercizi, avanza fortissimi dubbi: il patrimonio netto, secondo Cozzio, causa scorrette scritture contabili, è sovrastimato di 1,8 milioni per quanto riguarda la società Ethica, 4,8 milioni Basilica Cafaggio, 800.000 euro nella voce “altre”; è iscritto a bilancio un acconto di 3 milioni versato dal Cla (Consorzio Lavoro Ambiente) per l’area di viale Verona dove sorge Casa Girelli, acconto che dovrà venir restituito, perché non sembra proprio che sia in programma il trasferimento di Girelli né, con questi chiari di luna, il nuovo studentato che con i soldi dell’Opera Universitaria il Cla avrebbe dovuto costruirvi. Insomma il bilancio della LaVis, secondo Cozzio, è molto, troppo ottimista: al punto da configurare una “deviazione dalle norme che disciplinano il bilancio d’esercizio, anche alla luce dei principi contabili emessi dall’Organismo Italiano di Contabilità”, modo elegante per dire che è inaffidabile e dovrebbero essere presi provvedimenti; dall’altro canto si è in presenza di “una significativa incertezza sulla continuità aziendale”, si è cioè a un passo dal fallimento.

A dire il vero, anche lo scorso anno Cozzio aveva adombrato la chiusura. Quest’anno lo ribadisce, di fronte ad una situazione che valuta ancora più grave. Il fatto è che il patrimonio netto del gruppo non c’è più. Lo scorso anno (vedi LaVis, verso il baratro del marzo 2013) Zanoni presentava a bilancio un patrimonio netto di 18 milioni (di cui 8 erano fasulli, in quanto patrimonio del comparto mele, andatosene per i fatti suoi a formare un’altra cooperativa il giorno dopo la chiusura del bilancio; ed altri 23 erano giudicati dubbi dalla Vigilanza). Quest’anno il patrimonio netto si è ridotto nella stessa versione Zanoni, a 3,4 milioni. Ai quali peraltro Cozzio fa le pulci; oltre a quelli giudicati ballerini, ce ne sono altri che coinvolgono direttamente i soci: tre milioni costituiti dal capitale dei soci sovventori ed altri 3,5 contabilizzati come riserve, cioè trattenute sulle future liquidazioni ai soci.

Ci scusiamo per la terminologia tecnica, il fatto è che la cosa è indicativa dei metodi zanoniani: queste trattenute erano state inventate per rivalersi sui soci che abbandonavano la cooperativa; per loro sono state rese effettive (l’uva gli è stata pagata una miseria, 25 euro a quintale) mentre per i soci rimasti le trattenute sono state solo teoriche, mai effettivamente richieste. È la strategia del divide et impera; però ora Zanoni si ritrova quei 3,5 milioni artificiosamente contabilizzati, ma non può richiederli, pena la rivolta anche dei suoi fedelissimi.

Conclusione? Il patrimonio della LaVis in realtà è negativo.

La bestia nera

Enrico Cozzio, che sia pur in linguaggio tecnico osa, come è suo dovere, tirare tali conclusioni, per Zanoni è la bestia nera. L’arrogante amministratore delegato non concepisce che un organo di vigilanza faccia il suo mestiere: “Non sopporto chi mi fa i conticini sul patrimonio” ebbe a dire in pubblico, rivolto allo stesso Cozzio, nell’assemblea di approvazione del bilancio dello scorso anno. E per confutare i suddetti conticini, aveva ingaggiato società private che gli rilasciassero certificazioni positive.

Non sembra però che tali confutazioni abbiano trovato molto credito, a parte qualche titolo nelle pagine economiche. Ce lo confessano gli stessi Zanoni e Paolazzi (un uomo di paglia, dipendente della Cooperativa insediato da Zanoni alla presidenza): in una serie di comunicazioni ufficiali, scrivono come “per le dismissioni sopracitate (di Cafaggio e Poggio Morino, ndr) il Gruppo provvederà a registrare le inevitabili svalutazioni patrimoniali”, cioè ha ragione Cozzio, i nostri valori sono gonfiati, quando vendiamo quei soldi non li prendiamo. Non solo: Zanoni e Paolazzi, in diversi passaggi dei documenti della Cantina, compreso lo stesso bilancio, nonché in interviste sulla stampa, lamentano come “con la relazione dei revisori dello scorso anno le banche hanno voluto rivedere il tasso (di interesse, ndr) con un aggravio che può essere stimato in 8-10 euro a quintale d’uva”: cioè le banche credono a Cozzio, non ai nostri consulenti. E ci mancherebbe.

Ma quest’ultima affermazione svela come l’Ad intenda l’economia: per lui è un sopruso che l’autorità di controllo voglia i bilanci in ordine, sveli la spazzatura nascosta sotto il tappeto, un inaccettabile ostacolo al procedere dei rapporti economici che gli impedisce di raccontare favole alle banche. E questo si ritorce, secondo Zanoni, sui contadini, che si trovano con il loro prodotto sottovalutato non perché lui non sa fare il suo mestiere, ma perché i controllori vigilano sui suoi conti gonfiati.

A dire il vero, su una cosa Zanoni ha ragione: i contadini della LaVis ci rimettono. Continuano a rimetterci. Nello scorso anno, ci dice il bilancio, la remunerazione media è stata di 74,06 euro a quintale, mentre la vicina Mezzacorona ha liquidato 100 euro, e alcune cantine di nicchia valori decisamente sopra i 100 euro. La LaVis è un debito: non serve a remunerare i contadini, ma a impoverirli.

I nuovi soci: vinificatori veneti

Marco Zanoni

Questo dato di fatto, che ormai si ripete da diversi anni, non poteva non avere ripercussioni. Il sistema cooperativo trentino, di fronte a tutta una serie di difficoltà, si è chiuso a riccio, cercando di impedire i passaggi da una struttura all’altra. Così è stato per i viticoltori della LaVis. Ma l’esodo c’è stato ugualmente, senza clamori, alla spicciolata, con conferimenti ad altre cantine sociali o addirittura al settore privato: i contadini che prima conferivano alla LaVis 200.000 quintali d’uva, oggi ne conferiscono la metà, 100.000.

Di fronte a questa emorragia di base sociale, come ha reagito Zanoni? Cambiando la base. Leggiamo nel bilancio: “Il conferimento 2012 è stato pari a circa 150.864 quintali equivalenti da parte dei soci”. Quintali equivalenti, cosa vuol dire? Vuol dire che ci sono soci che non conferiscono uva, ma vino. Non sono agricoltori, ma vinificatori. Non sono trentini, ma veneti. Zanoni ha cioè sostituito i contadini trentini con vinificatori veneti, che vendono vino low cost a Casa Girelli, e che l’Ad ha fatto entrare nella cooperativa. Cambia quindi la base sociale, cambiano gli interessi, cambiano le finalità della cooperativa.

Il buco nero si allarga

Ma i guasti creati dalla LaVis si estendono oltre il settore del vino. Nel 2008, quando la LaVis, ancora saldamente in mano alla triade Peratoner, Giacomoni, Andermarcher e augustamente supportata da Dellai, sembrava dover passare di successo in successo, i melicoltori del Consorzio Cinque Comuni si lasciarono abbagliare e confluirono anch’essi nella Cantina. Quattro anni dopo, vista la mala parata, pensarono bene di separarsi. Zanoni però gli appioppava una fregatura.

I frutticoltori avevano due magazzini da 60.000 e 80.000 quintali: quando erano in LaVis, fu deciso che il più grande avrebbe ospitato Casa Girelli, trasferita da Trento sud dove si doveva vendere il terreno; l’altro capannone invece doveva essere ampliato grazie a parte della plusvalenza della suddetta vendita. In quest’ottica fu acquistato un terreno contiguo per permettere l’ampliamento, e ora la Cinque Comuni, andata per la sua strada è debitrice alla Lavis dei soldi (1,3 milioni) spesi per quel terreno, più 200.000 euro di acquisti vari. Fin qui ci rimette Zanoni. Naturalmente la storia non finisce così. Quando la Provincia, per lenire le sofferenze di LaVis, le aveva munificamente acquistato Maso Franch, impresa scombiccherata, perfetta icona della gestione pazzoide della triade, questo era gravato da un’ipoteca (6,8 milioni) che dall’allora commissario Zanoni fu trasferita sull’immobile della Cinque Comuni, con la promessa che al bisogno sarebbe stata tolta. Promessa mai mantenuta.

Ora i melicoltori si sono svegliati: il 12 dicembre, in un’animata assemblea, hanno destituito il presidente nominato a suo tempo da Zanoni, hanno eletto un cda combattivo e avviato una dura trattativa con la LaVis. A Zanoni, che pretende il pagamento del milione e mezzo in effetti dovutogli, è stato risposto picche: il pagamento ci sarà solo se vengono tolti i 6,8 milioni di ipoteca.

Zanoni non ci sta. E non ci stanno nemmeno le banche, che di LaVis si fidano poco o punto e tendono quindi a coinvolgere altre realtà. Ma per la Cinque Comuni quei 6,8 milioni sono un macigno sopra la testa: non riescono a fare investimenti e tornano a trovarsi, loro malgrado, legati al destino di LaVis. Il buco nero creato dalla Cantina si allarga.

La svendita ai veronesi

C’è un dato ancor più allarmante, che riguarda le dismissioni. È un capitolo centrale nel tentativo di rimettere LaVis in carreggiata. La Cantina, a metà del decennio scorso, era andata fuori strada, oltre che per una serie di operazioni di spogliazione (i milioni regalati alla finanziaria del vescovo e quelli spariti in America, per esempio), anche per alcune acquisizioni spensierate: Maso Franch, Casa Girelli, Poggio Morino e Basilica Cafaggio in Toscana, Cesarini Sforza. Vendere questi asset per risanare e concentrarsi sulla LaVis è stato uno degli obiettivi del percorso di salvataggio. Dopo il generoso acquisto da parte della Provincia dell’altrimenti invendibile Maso Franch e dopo mille annunci di vendite più o meno miracolose mai effettuate, ora una vendita c’è stata: la tenuta toscana di Poggio Morino, che dopo una serie di lavori di miglioria oggi consta di 33 ettari di vigneto pregiato, 7 di oliveto, un’altra trentina di bosco, e in più masseria, caseggiati e strutture varie.

Zanoni nel bilancio 2012 aveva valutato Poggio Morino 12,2 milioni. Cozzio aveva abbassato il valore di 1,5 milioni, fissandolo quindi a 10,7. A quanto vende ora Zanoni? A 4,2 milioni, non prima di aver eseguito ulteriori, onerosi lavori di miglioria, del valore di diverse centinaia di migliaia di euro: ipotizziamo 400.000; secondo le sue valutazioni, Poggio Morino valeva 12,6 milioni (12,2 + 0,4 di migliorie) e la vende per 4,2, un terzo del valore, rimettendoci 8,4 milioni. Secondo le valutazioni di Cozzio, il valore della tenuta era 11,1 (10,7 + 0,4) e LaVis ci ha rimesso 6,9 milioni. Una vendita? No, una svendita. E a chi ha chiesto in assemblea perché, ad un prezzo così basso, Poggio Morino non sia stata offerta prima di tutto ai soci, Zanoni ha risposto d’aver tentato di farlo ma inutilmente. Una colossale bugia, dal momento che ai soci non è mai pervenuta proposta alcuna.

E a chi viceversa si svende? All’Azienda Tommasi, un operatore agricolo e finanziario di Verona. E guarda caso di Verona è appunto Zanoni, come di Verona sono lo stuolo di avvocati di cui si circonda, i consulenti, ecc. La LaVis sta svendendo i suoi gioielli ai veronesi? I contadini lavisani stanno per essere spogliati dei (pochi) beni rimasti a favore di operatori contigui a Zanoni?

Sì, perché voci insistenti dicono che la svendita di Poggio Morino non è l’unica. A entrare nel mirino è ora Cesarini Sforza, un’eccellenza della spumantistica trentina, il fiore all’occhiello del gruppo LaVis.

Quale è la situazione di Cesarini? Nella relazione al bilancio Zanoni scrive: “Il livello d’eccellenza dello spumantificio di Ravina è ancora una volta confermato anche dal forte interesse, da parte di operatori del settore e non, finalizzato ad un’acquisizione dell’azienda”. Chi sono questi “operatori del settore”? Ancora la Tommasi, come si vocifera? È già entrata nella compagine di Cesarini? Le sono state cedute delle azioni? Magari a prezzi di svendita, se non addirittura simbolici?

Ai contadini lavisani diciamo: state attenti, molto attenti. Non limitatevi ai (tardivi) mugugni in assemblea. Vi hanno depredato dando i vostri soldi a Isa (la finanziaria del vescovo); disperdendoli in strane società americane; imbastendo operazioni tanto megalomani quanto strampalate. Sarebbe il colmo se ora quel poco che vi è rimasto finisse graziosamente regalato a Verona.

E la Giunta Rossi che fa?

È arrivato il momento di chiedersi: a cosa serve la Cantina LaVis? A sottopagare i contadini per stornare altrove il frutto del loro lavoro, sembrerebbe.

Attorno a questa vicenda sono fiorite le vicende giudiziarie: tutte finite, fino ad ora, con la Cantina ed i suoi amministratori soccombenti. Forse non è un caso, e ne riferiamo nel box sotto.

Ma la storia della LaVis non si comprende se non se ne considera un altro versante: il rapporto con la politica. La Cantina ha potuto crescere come un pallone gonfiato, al di là delle logiche economiche, solo grazie alle protezioni, in particolare quelle dell’allora presidente Dellai (Fausto Peratoner era un suo referente e Marco Zanoni lo aveva nominato lui, arrivando a cambiare la legge sui commissariamenti per prolungarne la carica).

Ancora oggi continua a lavorare il veleno della contiguità politica: i lavisani confidano ancora in un management discutibile, ma che pensano protetto dal Palazzo. “Prima o poi la Provincia ci salverà” scrivono sul nostro blog.

Appunto, la Provincia, la Giunta Rossi. Che fa? È tempestata da richieste di aiuto da parte di Zanoni e Paolazzi, che un giorno pontificano che tutto va per il meglio ma il giorno dopo inviano missive invocanti sussidi. In particolare chiedono 20 milioni in cambio di un lease back sui capannoni della Cantina.

La Giunta Rossi, ahimè, come in altri casi non sa che pesci pigliare. Un lease back (comperare la sede di un’azienda e poi riaffittargliela: il vantaggio sta nell’avere soldi freschi) è possibile solo per un’azienda sana, come - stando alla Vigilanza cooperativa - non è la Lavis; 20 milioni sono una cifra spropositata, i vetusti capannoni non valgono certo quella cifra, che direbbero le tante aziende, più piccole, costrette a chiudere spesso per difficoltà solo temporanee? Che direbbero tutte le realtà sulle quali si abbattono i tagli dovuti alle robuste restrizioni del bilancio provinciale? E in ogni caso, 20 milioni cosa rappresenterebbero di fronte a un’azienda indebitata per 78-80, e che si troverebbe sì a pagare minori interessi, ma anche un affitto in più? (Non è che i 20 milioni servirebbero soprattutto a pagare Isa, il cui credito di 12 milioni nei confronti della Cantina scade proprio nel 2014?) E inoltre: come mai si potrebbero infrangere tutti questi principi per aiutare una compagine testè condannata per aver ingiustamente licenziato una dipendente? E soprattutto condannata per aver celato dati essenziali del proprio bilancio alla Provincia stessa?

Quale immagine di serietà, di correttezza, darebbe un ente pubblico che premia chi lo raggira?

La Giunta Rossi, dicevamo, è confusa. Finora ha preso tempo. È venuta incontro alla LaVis dimezzandole l’affitto di Maso Franch (un altro lease back), cosa che ha già suscitato diverse proteste. Sarebbe veramente il colmo se, dopo l’ultimo bilancio, l’ultima revisione, le ultime sentenze, le ultime svendite veronesi, si proseguisse su questa strada.

La Cantina e il Tribunale

Il tracollo della LaVis ha generato diversi procedimenti giudiziari, risoltesi tutti, finora, in sconfitte della Cantina e dei suoi amministratori. Vediamone un sintetico panorama.

Azioni contro la Triade (Giacomoni, Peratoner, Andermarcher)

Su propria iniziativa e in seguito alle denunce di QT, la Guardia di Finanza prima e la Procura della Repubblica poi, indagano sulle responsabilità degli ex amministratori. In particolare nel febbraio 2012 si registra un esposto dei contadini (pubblicamente definiti da Dellai “gli Schettino della LaVis”) per il reato 2638 cc e cioè: per aver “omesso di indicare nei bilanci societari la fideiussione di euro 12.200.000 rilasciata in data 2.11.2005 dalla Lavis in favore di ISA nell’interesse di Ethica e per aver omesso di informarne, tra gli altri, l’organo di revisione, così omettendo specifici obblighi di legge che determinavano un ostacolo all’esercizio delle funzioni di verifica e controllo degli organi preposti alla vigilanza (PAT) sulla gestione economica della Cooperativa”.

Mentre in Provincia e in Regione diverse interrogazioni (primi firmatari Sara Ferrari e Bruno Firmani) chiedono lumi e gli assessori Mellarini e Panizza assicurano che va tutto bene e non ci sono irregolarità, il 10 ottobre 2012 viene chiusa l’inchiesta della Guardia di Finanza, e parte la richiesta di rinvio a giudizio da parte del Procuratore della Repubblica Amato per Cantina Lavis e per Giacomoni, Peratoner e Andermarcher per il reato ipotizzato nell’esposto dei contadini.

Il 28 febbraio 2013 si tiene l’udienza preliminare sia contro la Cantina LaVis che contro gli ex amministratori, ma la Provincia, individuata dalla Procura quale parte offesa, non si costituisce parte civile nella persona del presidente Pacher.

Il 23 maggio 2013, con sentenza del giudice Ancona, viene accolta la richiesta di patteggiamento della Cantina Lavis quale responsabile dell’illecito amministrativo in relazione al reato di cui all’art. 2638 CC per “l’episodio di ostacolo all’esercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza realizzato con l’occultamento nei bilanci della cooperativa Lavis della fideiussione per l’importo di euro 12.200.000,00 rilasciata in favore di ISA nell’interesse della controllata Ethica”. Per il dott. Ancona “non vi è dubbio infatti sul movente della condotta: impedire l’emersione della grave situazione economica e finanziaria della cooperativa, e quindi evitare il suo commissariamento con esautorazione degli organi dirigenti; movente di interesse degli autori materiali del reato, e che vedeva vittime non solo i creditori, ma anche i soci della cooperativa; tuttavia dal punto di vista oggettivo l’interesse era anche della impresa collettiva, perché con quella condotta veniva realizzata la aspirazione, oggettivamente a lei riconducibile, di poter continuare a svolgere la propria attività di impresa senza le pastoie e i controlli esterni che un commissariamento avrebbe imposto”.

Definite le responsabilità della Cantina, rimangono quelle della Triade. In data 10 dicembre 2013 con sentenza del Tribunale di Trento, il dott. Forlenza condanna Giacomoni, Peratoner e Andermarcher a 8 mesi di reclusione (pena diminuita per le attenuanti generiche e per aver scelto il rito abbreviato).

Zanoni contro QT

L’1 settembre 2010 Lorenzo Dellai nomina commissario alla Cantina LaVis Marco Zanoni per due anni, scaduti i quali cambia la legge per prorogare il commissariamento di un altro anno, al termine del quale Zanoni viene nominato amministratore delegato.

Questotrentino ripetutamente attacca Zanoni per la continuità con la precedente amministrazione: non rinegozia i debiti contratti attraverso il “patto scellerato” con Isa; rinuncia ai milioni volatilizzati in America; non solo non promuove alcuna azione contro la triade, ma anzi nomina Peratoner ed Andermarcher ai vertici del gruppo.

Nel gennaio 2012 una lettera di Dellai minaccia di azioni legali contro “l’intollerabile offensività” di QT, che chiede cosa facciano gli uffici provinciali preposti alla vigilanza sulle cooperative. A querelare QT ci pensa invece Zanoni, per via penale e anche (maggio 2012) attraverso una causa civile in cui chiede al direttore Ettore Paris un risarcimento di 480.000 euro.

Il procedimento civile è ancora in corso, la querela penale viene invece archiviata l’8 gennaio 2013 dal Gup Carlo Ancona che riconosce negli articoli di QT sia “un legittimo esercizio del diritto di critica” sia “la verità storica dei fatti narrati”.

Causa di Lavoro Pomini contro LaVis

(vedi approfondimenti nell’articolo sotto)

Il 21 febbraio 2011 a Casa Girelli viene licenziata in tronco la contabile dott.ssa Tiziana Pomini, che impugna il provvedimento di fronte al Tribunale.

Il 10 dicembre 2013 con sentenza del Tribunale di Trento il dott. Beghini condanna la LaVis a riassumere e risarcire la dott.ssa Pomini in quanto illegittimamente licenziata e trasmette gli atti alla Procura per la possibile falsa testimonianza di un teste citato dalla LaVis, il dott. Andrea Cussigh.

Lo strano licenziamento della dott.ssa Tiziana Pomini

Il 10 dicembre il Tribunale di Trento ha condannato La Vis per illegittimo licenziamento di Tiziana Pomini, già contabile responsabile amministrativo presso Casa Girelli dal 2004, e ne ha ordinato il reintegro nel posto di lavoro, oltre al pagamento degli arretrati. Cosa c’è dietro questo licenziamento? È una questione di rapporti sindacali? Pomini è stata l’unica licenziata in questi anni in LaVis, dove le assunzioni sovrabbondanti e vagamente clientelari sono state la norma. Come mai solo lei (o quasi, c’è stato anche un altro licenziamento) e proprio lei?

Tutto accade il 21 febbraio 2011, in piena era Zanoni, commissario della La Vis da 5 mesi che ben si guarda dal rimuovere i precedenti disastrosi amministratori, e meno che mai di avviare contro di loro un’azione di risarcimento. Anzi, nel CDA di Casa Girelli del 10 febbraio 2011 Zanoni nomina Cesare Andermarcher direttore generale e Fausto Peratoner direttore generale commerciale. Al punto 5 dell’ordine del giorno il CDA discute e delibera il licenziamento di Tiziana Pomini. Motivo? La “gravissima e perdurante crisi finanziaria” per cui “appare non più procrastinabile la messa in atto di una profonda riorganizzazione interna, nell’ottica di massimizzare lo sfruttamento di ogni possibile sinergia con la società controllante LaVis”.

La “profonda riorganizzazione interna” inizia e termina con la dott.ssa Pomini. E come si attua? Ad amministrare Casa Girelli ci penseranno il neo direttore Andermarcher e, per le mansioni d’ordine, la signora Antonela Andreata.

Colpiscono anche le modalità: “Si procede quindi - recita il verbale del CDA - al licenziamento della lavoratrice dando immediata efficacia al provvedimento espulsivo per evidenti ragioni di opportunità e conseguentemente esonerando la stessa dallo svolgimento della prestazione lavorativa durante il preavviso contrattualmente previsto, con pagamento della relativa indennità sostitutiva”.

La Pomini cioè viene letteralmente cacciata dopo più di 6 anni di lavoro, senza lasciarle il tempo di salutare i colleghi; la sua presenza è temuta al punto da lasciarla a casa durante i mesi di preavviso e continuare a pagarla. Tutto questo “per evidenti ragioni di opportunità”. Quali?

Zanoni dice che alla Pomini era stato offerto un altro lavoro. Ma se era una persona valida, perché è stata cacciata dalla sera alla mattina, dopo quasi 7 anni di lavoro? Non è che la si volesse allontanare proprio da quelle carte?

Zanoni secondo noi fa il furbo: non vorremmo che alla Pomini avesse offerto un contratto di lavoro con periodo di prova, che l’avrebbe lasciato libero di licenziarla senza che lei potesse impugnare il provvedimento. La Pomini, saggiamente a nostro avviso, rifiuta il nuovo contratto. Rimane però l’interrogativo: perché l’avete mandata via?

La causa in tribunale ha poi appurato una serie di ulteriori fatti: Antonela Andreata, che con Andermarcher doveva svolgere il lavoro della Pomini, ha ammesso di non sapere cosa sia la partita doppia, né cosa facesse Andermarcher con cui avrebbe dovuto teoricamente lavorare gomito a gomito. In realtà Pomini, dice il giudice, è stata sostituita dal collega dott. Andrea Cussigh, che in teoria doveva invece lavorare a Lavis presso Ethica spa; la sentenza ha previsto anche che il Cussigh dovrà sostenere un’imputazione per falsa testimonianza.

Risultato: la LaVis, a meno di rivincite in appello, si trova a vedere incriminato un proprio dipendente troppo zelante, a dover pagare tre anni di stipendio della Pomini, a pagare le sue e le proprie spese legali, a riassumere Pomini o pagarle un ulteriore risarcimento. Bravo, Zanoni!

Ma rimane la domanda di fondo: perché?

Noi abbiamo qualche indizio, che fa capo a uno dei buchi neri di LaVis e Casa Girelli, la società americana Fine Wine International, su cui la magistratura non ha ancora convintamente indagato.

Il peggior bilancio di Casa Girelli della gestione LaVis è quello che chiude al 30 giugno 2010, con una perdita di oltre 8 milioni. In questo bilancio si rende conto di una strana operazione: il riacquisto del 95% della FWI, società già ceduta nel 2008 ma “senza incasso del corrispettivo”. Questa operazione viene definita “puramente formale” dalla stessa Guardia di Finanza. Nel medesimo bilancio avviene la svalutazione di 6 milioni di crediti che FWI doveva a Casa Girelli. In pratica per anni la Cantina mandava in America milioni di bottiglie, FWI regolarmente non pagava, poi arriva Zanoni e che fa? Rinuncia a tutti i crediti. Questo bilancio viene approvato il 20 gennaio 2011. Nello stesso giorno la Divisione Vigilanza della Cooperazione, nella Relazione di revisione sul Bilancio Consolidato del Gruppo LA VIS al 30/06/10, dichiara di “non poter esprimere un giudizio professionale” su detto bilancio, a causa della rilevanza delle limitazioni alle verifiche.

Il 9 marzo, due settimane dopo il licenziamento della Pomini, la Divisione di Vigilanza dichiara di aver ricevuto dalla LaVis “la documentazione necessaria al completamento delle procedure di revisione dai noi ritenute necessarie per l’espressione del nostro giudizio”. È lecito pensare che eliminata la Pomini, vengono inviate le carte richieste dalla Vigilanza?

Quali carte? Qualche indagine su FWI e su questi passaggi sarebbe quanto mai opportuna.

Parole chiave:

Articoli attinenti

Nello stesso numero:
“Stucchevole giochino”
In altri numeri:
LaVis, verso il baratro
La LaVis, i consulenti, il giornalista
Soldi alla Cantina?
LaVis: un altro commissario?

Commenti (105)

Linguaggio del lavisano webmaster

Ettore Paris non c'entra nulla con la sparizione del suo messaggio, nell'ultimo messaggio (numero 104) Lei ha detto le stesse cose ma più garbatamente.

x Sig. Paris lavisano

Non ho capito direttore Paris perchè ha cancellato il mio post precedente,non mi sembra di aver scritto nulla di offensivo tranne che la cupola va cacciata dai soci a scarpate nel sedere......Ho visto molto di peggio su queste pagine !!

Socio isera Socio isera

Come diceva Edoardo Bennato Al congresso sono tanti dotti medici e sapienti
Il Campostrini è stato sfiduciato dalla nostra cantina per incapacità ordunque se volete un mio consiglio, mandatelo a casa.

SUPER-RIZZOLI FATTI NON PAROLE

A questo mondo c'è che copre la gente di chiacchiere ma quanto si tratta di portare fatti concreti nisba. La stampa di oggi ci dice invece che il trentinissimo Fabio Rizzoli ha impiegato un solo anno ( uno ! ) per prendere in mano una coop disastrata ( piccoli frutti S.Orsola ) e riportarla in attivo, agendo soprattutto sul taglio delle spese inutili. Forse qualcuno dovrebbe imparare , meno chiacchiere , meno proclami, meno denunce , meno avvocati , meno sfarzo, meno megalomania e più lavoro ! A dimostrazione del fatto che è importante mettersi in buone mani se si vogliono risolvere i problemi. Tanto di cappello e complimenti al sig. Rizzoli .

Poltronificio LaVis 2 considerazioni

Considerazione n°1 la cantina LaVis ha un senso di esistere , come poltronificio per dirigenti trombati da altre parti e riciclati sulle sponde dell'Avisio, naturalmente si tratta di poltrone ottimamente remunerate, indipendentemente dal fatto che le cose vadano bene o male il tutto è gentilmente offerto dai soci ( che invece sono alla povertà ) . Ma è la giusta punizione per i soci che in 4 anni hanno permesso tutto questo, si dovevano svegliare e adesso si meritano solo di essere spolpati fino all'osso , la prossima volta forse avranno imparato.
Considerazione n° 2 si vede che dalle altre parti sono più svegli , chi non merita viene mandato a casa , anzi viene mandato a LaVis hehehehe

Sembra uno scherzo! Trento doc

Forse qualcuno non ha ancora capito che i soci vengono considerati come dei poveri stupidotti di dubbia cultura che con qualche frase ad effetto durante le assemblee possono essere continuamente abbindolati.Mi chiedo pero'una cosa:"Perche'non se ne vanno?"Le possibilita'sono 2: o sono cretini o i terreni sono di proprieta'della curia e allora tutto torna.Fra un anno saremo ancora qui a parlare delle stesse cose e niente sara'cambiato.Intanto i contadini non arrivano alla fine del mese e qualcun altro se la ride alle loro spalle.

x mostador bomba operaio della vigna

é comunque tardi perchè di persone fallite o di dubbia professionalità l'ad si è circondato. Ma raccogliendo l'invito del socio 96 allora alla prossima assemblea fatevi sentire, ma non solo per el Campostrini, ma anche per tutte le altre balle che el Zanoni vi racconta, perchè altrimenti "falliti" diventerete anche voi.....

el saven Mostador bomba

Caro 97 el saven che Campostrini è il direttore di produzione. Però questo non vuoldire di non raccogliere l'appello del socio96. Infatti i falliti devono stare a casa , perchè ora è solo consulente, ma in futuro magari lo prendono fisso con una super paga allora noi soci dobbiamo cacciarlo perchè i falliti ripeto devono andare a casa.

caro socio è tardi

ma come è possibile che voi soci ci arrivate sempre quando è tardi alle cose ?? Il Campostrini è direttore di produzione o simile, nella vostra cara cantina da quando Zanoni è diventato A.d...... quasi 2 anni.
Ormai siete diventati lo zimbello di tutte le cantine,il simbolo del fallimento della cooperazione....

Appello soci Il socio

Cari colleghi soci svegliamoci, come sapete l'ex vice comissario Campostrini( la mummia), è stato cacciato da isera. Ordunque non vorrei mai che tutti i falliti venissero
a lavorare alla lavis che già ai i suoi problemi.
Allora noi come proprietari della cantina stessa, cerchiamo di impedirglielo. Confidando nel mio disperato appello porgo distinti saluti sperando di avere consensi.

anche se non condivido l'operato .. complimenti a ZANONI

Che il trentino produca vino è da provare.
Se entrano 100.000 q.li di uva in una cantina, sembra ci sia la moltiplicazione dei pani e dei pesci, escono 200.000 litri di vino (non dico bottiglie da 0,75) ... si vede l'invenzione uscita sui giornali della produzione senza uva, funziona già in trentino. (e si siete furbetti)
Qui scrivete, scrivete ... ma alla fine sono solo parole al vento, nessun socio o ex socio ha le palle (coraggio) di fare quanto va fatto.
Le denunce si fanno nelle sedi opportune: ASSEMBLEA DEI SOCI - COLLEGIO SINDACALE - ESPOSTO IN PROCURA - CAUSA CIVILE.
Da un certo punto di vista è da ammirare un soggetto che a distanza di 4 anni fa ciò che vuole e nessuno è in grado di dargli contro..... almeno lui ha le palle, e se vi frega ( soci e ex soci) fa bene, l'avete voluta voi non cercando i vostri diritti e avendo paura del nulla.
da quanto si legge ha vicino a se amici fidati (campostrini, leonardelli, ganz, ercolino ed altri da lui assunti ) che fanno quel che gli dice.
Sembra il sistema trentino delle cooperative sia stato "truffato" dall'interno da un veronese .... da ridere....., un solo uomo al comando del gruppo lavis, e nessuno può fare , dire o controllare ... le regole cooperative sono ferree.
buon proseguimento.

avvocati cassandra

i soci di LAVIS e dei 5 Comuni dovrebbero avere più fiducia negli avvocati trentini... visto che razza di avvocati si seglie lo Zanoni ... DILETTANTI ... e comunque questa brutta storia dimostra che l'unità della COOP Trentina è una farsa... del resto il Trentino produce vino e tanta tanta ipocrisia ... AMEN

alla fine ride bene chi...

Alla fine succederà che il consorzio 5Comuni sarà costretto a chiudere avendo un debito proprio di circa 1.5 milioni di euro e avendo una gestione ordinaria corretta e abbastanza remunerativa (non molto diverso da altre realtà concorrenti) con un patrimonio importante che sarà usato dalla PAT (assessori e presidente) per pagare i debiti della LaVis che invece sarà sovvenzionata e aiutata (giustamente s'intende), ma le logiche di potere sono queste in Trentino .... un trentino malato e pieno di uomini di potere forti con i deboli e deboli con i forti.

ISERA Marzemino

il direttore e il presidente di Isera sono stati sfiduciati nell'assemblea del 7/3/2014.
Il buco di Isera è di qualche milione di euro e sembra che si sia mosso addirittura il comune in quanto parte del debito è con l'amministrazione....

segreti operaio

parlate di Campostrini ? quando si sanno tenere certi segreti, si fa carriera in certi ambienti... chiedetelo al dott. Leonardelli, che è diventato consigliere di CASA GIRELLI ... che meriti avrà mai avuto, il buon Michele ?
...

isera&co operaio

il vice commissario è tuttora direttore della cantina d'Isera ( e lo sarà fino a fine anno) e da almeno un anno è direttore di produzione a Lavis. Non è un segreto ma come mai nessuno ne ha mai parlato ????

Teste... marketing

ma ... perché sono i più bravi ... non so se è vero però pare che il vice commissario ... che era il direttore della Cantina Isera ... e che è stato allontanato (assieme al presidente) dall'assemblea dei soci di Isera a causa di un buco milionario ... abbia un ufficio c/o la cantina di Lavis e che continui ad essere il consulente della direzione ... della serie "A Lavis scegliamo solo i più bravi...!!!
mi piacerebbe sapere che ne pensano i soci ...

P e r c h e ' q u e l l e t e s t e ? Trento doc

Qualcuno mi sa dire perche'sono stati assunti in Lavis due persone( Sig.Ercolino e sig.Muscella)provenienti da altre realta'per risolvere i problemi di una cooperativa trentina?Forse per i successi imprenditoriali in Campania del primo?Chiedere in zona per avere notizie a proposito....!!!!!

Prosciutto sugli occhi

Ma cosa vuoi aspettarti da dei LESTOFANTI ?
Li sono alla canna del gas,una scintilla e bummmmmmm, salta per aria tutto il paese, cucioi compresi.....
Detto questo,ma veramente pensi che chi voglia sempre fregare la gente come sono quelli della cantina La-vis si faccia scrupolo a far causa ai 5 comuni anche se pagano ?Secondo tè, gli AVVOLTOI se vedono la loro preda e vogliono fargli la festa, prima gli pagano il funerale ? Gli AVVOLTOI sono AVVOLTOI, brutta razza, la peggiore........

Non so più che dire sem

All'assemblea di zona dei 5 comuni a LaVis è stato detto che il consorzio ha versato alla Cantina nel mesi dicembre-febbraio circa 400.000 euro e che il debito è ora non più di 1.900.000 come era a giugno 2013 ma di 1.200.000 euro.
Nonostante questo ho appreso da consiglieri della LaVis che il CdA della Cantina sta proseguendo nell'azione legale verso il consorzio e questo mi sembra veramente strano, se un mio debitore mi paga in 3 mesi 400 mila euro io gli faccio causa? ... se fosse così anche per i creditori di LaVis credo che al tribunale di Trento ci sarebbe la fila.
E' un comportamento a dir poco strano non capisco come federazione e PAT consentano questo comportamento....
Se ci sono amministratori di LaVis mi possono dire se sono vere le cifre dette in assemblea???

per 83 xyz

Hai ragione, forse vogliono tornare al comunismo di stato , anzi di provincia... Visto che con il loro ''lavoro'' non riescono a dare una redditività ai soci, si appellano a mamma provincia affinchè lo faccia lei. A questo punto allora è una ammissione di inutilità della cantina stessa, meglio chiudere tutto e che la PAT mandi direttamente un assegno mensile ai soci, senza equivoci e senza possibilità che questi soldi finiscano poi in mani sbagliate , e magari spariscano anche , visti i precedenti heheheh... Una cosa positiva però c'è: L'Adige nell'ultimo periodo non pubblica neanche più questi patetici comunicati stampa, ormai è rimasto solo Il Trentino a dare manforte alla La-Vis

interessi passivi CASSANDRA

Ethica nel bilancio al 30 giugno 2013 ha indicato fra gli interessi passivi pagati ben euro 645.359 come "interessi pagati ad ISA" ... tanto per non scontentare nessuno ... i SOCI i bilanci non hanno ancora imparato a leggerli... una domanda : mi sapete dire quanto ha speso il gruppo LA VIS nei tre anni 2010-2013 per il PIANO DI RILANCIO ?
finalmente quest'anno lo hanno scritto CHIARAMENTE ... forse perhcè costretti dalla nuova revisione ...
attendo risposta...

non è tutto ORO quello che luccica altre bugie ?

leggendo il Trentino di ieri, le notizie sembrano molto positive, LaVis va molto bene, tutte le società sono in utile e vendono di più.
SE VA COSI BENE, perché chiedono aiuti alla Provincia ?
Dicono hanno spese per interessi per i finanziamenti in corso molto alti , dai bilanci, non risultano, altre bugie ?
i Mutui in questo periodo hanno interessi molto contenuti, su quali finanziamenti pagano interessi alti ? forse verso i finanziamenti dei SOCI ?
cosa c'entra la remunerazione dei SOCI per avere aiuti PUBBLICI ?
La Provincia deve dare lo stipendio ai SOCI perché incapaci di lavorare e fare i propri interessi mentre qualcuno è pagato profumatamente con i soldi dei SOCI e non rende mai i conti e spende e spande ???

x falco dominique

Anche volendo fare dei paragoni.....nei casi da te citati non ci sono stati problemi con la giustizia per fideiussioni mai dichiarate, non ci sono stati milioni di euro spariti nel nulla, non c'è stato un danno a terze parti come in questo caso i soci..... e soprattutto le aziende almeno quando hanno ricevuto i contributi erano a posto con i bilanci.
Comunque non hai risposto alle mie domande sul fantomatico spostamento della Girelli, sulla situazione economica....

va tutto bene ottimista

Appunto , va tutto bene, lo dice anche ''Il Trentino'' di oggi .

brindisi ! cassandra

leggete oggi il Trentino (magari al bar perchè non vale la pena di buttare denaro in tempo di crisi) oggi c'è il solito comunicato stampa di ZANONI & C ... (hanno anche la faccia tosta di chiamarle "anticipazioni" ... ) dove si sparano numeri sul fatturato in crescita... chiedendo poi il solito aiutino alla PAT e allo Schelfi ... per ANDARE AVANTI !
non si parla di UTILI però .. quelli veri ... come mai ?
ZANONI .. paga i soci ... quelle sono le uniche "ANTICIPAZIONI" che ci servono !

x dominique falco

per cortesia... andate a vedere i soldi che la PAT ha elargito sotto forma di lease-back alle seguenti aziende
* Whirpool
* Marangoni
* Martinelli
... ma secondo voi li valgono tutti quei soldi i terreni che la PAT si è comprata ???
E allora non si può aiutare Lavis e Girelli ?

continue domande che nessuno si pone presa in giro

scusate, la cantina va bene , ne sono felicissimo.
Quello non capisco è:
- Girelli va bene, fa fatturato, guadagna, porta soldini
- Cesarini Sforza, fa fatturato e guadagna, porta soldini
- Basilica Cafaggio, fa fatturato guadagna , porta soldini
- la cantina, fa fatturato, guadagna porta soldini
CHI PERDE ?
da quanto leggo, perdono solo i soci con la minore remunerazione, a quanto pare :
- i sacrifici non sono serviti a nulla,
- le vendite non sono servite a nulla,
- i debiti sono sempre gli stessi,
- ISA non è stata pagata,
- LA PROVINCIA non ha ricevuto indietro il rimborso del contributo di maso franch,
- SOCI ed EX-SOCI non hanno ricevuto il compenso della vendemmia 2010 e l'autofinanziamento.
- la cantina ha avuto 1 milione di euro da PROMOCOOP
Che fine hanno fatto i soldini dal 2010 ad oggi?

x 75 falco dominique

le cose stanno migliorando.... ma che film stai guardando ?
Girelli verrà spostata.... dove e con quali soldi ?
prodotti di qualità .... forse un 30 % della produzione ?
lease-back, contributi.... la Lavis ne ha già beneficiato, vedasi maso franch, depuratore .
Ma soprattutto sembra che voi sostenitori dell'ad non ve ne siate accorti che è cambiato qualcosa rispetto agli esempi che portate.....siamo in un altro contesto socio-economico !!! I pochi contributi rimasti devono essere messi al servizio della collettività (scuole, strade,ospedali....) e non per ripianare i buchi di anni di politiche megalomani !!!!

disonesti al massimo

come fai ad auspicare che non vengano attaccati dei disonesti come sono quelli della La-vis?
Rassegnati, fanno troppe porcate e verranno attaccati sempre se vanno avanti cosi', ormai siete la pecora nera di tutte le cantine d'Italia e amen.

ACCONTI&DINTORNI falco

Ai soci verrà dato quanto loro spetta. Sono stati informati nelle varie assemblee di zona. Il Gruppo Lavis, pur non essendo in ottima salute, è in grado di andare avanti. Gli aiuti pubblici ci sono, ma non vedo il problema. Come è stato scritto più volte si sono foraggiate aziende private che poi hanno lasciato comunque il Trentino, oppure si fanno dei lease-back assurdi con cifre da capogiro ogni qualvolta "l'imprenditore" mette in giro voci di chiusura....
Nel caso di Lavis le cose stanno migliorando. Se, finalmente si sposta Girelli in Lavis, si compie una riorganizzazione (vera) del personale sia in termini numerici, sia in termini di stipendi e si riprende la strada di prodotti di qualità allora il gruppo potrà tornare ad essere vincente. In alternativa si continuerà a vivacchiare. Auspico che quanto prima si smetta di attaccare Lavis e si veda il bicchiere mezzo pieno...

x 73 truffe a go' go'

Purtroppo caro mio bareranno anche sul primo acconto.........Come del resto avevano già fatto i loro illustri predecessori Giacomoni e compagnia 1 mese prima del disastro. Pensa che adirittura , per far credere che andava tutto a gonfie vele avevano dato il 1 primo acconto superiore a tutte le altre cantine !!!!!! Questo appunto primo per mascherare le malefatte(che poi inevitabilmente 1 mese dopo sono state scoperte), secondo perchè entro marzo uno deve decidere se andarsene da una cooperativa e pagare come gli altri se non di più è un ottimo deterrente per tenere tutti buoni.Peccato che già il secondo acconto ci hanno riempito le tasche di sassi, e quando poi è arrivato il forestiero a fare lo sceriffo, oltre ai sassi ci ha riempito la tasche anche di m..........a !!!!!!
Vuoi scommettere che ci sarà il bis quest'anno????
Perchè secondo tè non vengono restituiti i soldi degli autofinanziamenti,pensaci bene,cosa ci devono fare con i soldi degli altri? ma pagare il 1 acconto no,semplice, ma attenzione che adesso parte la causa, questione di ore.........

Aspettiamo il primo acconto

Vediamo subito in che acque naviga, basta aspettare il prossimo acconto e dai prezzi dell'uva. Leggete il commento 68 e vedremmo se ha ragione la situazione non è poi cosi serena vada a chiedere in provincia al nuovo assessore al agricoltura e del divorzio dei 5 Comuni e poi ci faccia sapere.

verissimo se non paghi

Cosa grave, anzi gravissima, ma verissima !!
D'altronde, quando vuoi ciulare tutto e tutti, è inevitabile che vieni messo all'angolo, ed è giusto che sia cosi', i DISONESTI vanno emarginati e messi alla gogna !!!!!!!
Un giorno NON solo il Trentino saprà degli illeciti e sotterfugi di quella cosa che chiamano ancora cantina ma il cui vero nome è POZZO DI DEBITI, lo saprà TUTTO IL MONDO !!!
Complimenti anche ai politici, avanti cosi' e annegheranno assieme al baraccone sgangherato e traballante, decorato dalla pittrice Varner ai tempi d'oro.

Consorzio Vini domanda per n° 69

Cosa significa buttati fuori dal consiglio del Consorzio Vini? Mi spiego : so cosa è il consorzio in questione, ma mi sembrerebbe incredibile che La-Vis non ne faccia più parte. Sui giornali non si è letto niente di questa cosa. Ripeto, se è vero è una cosa grave ...

acconti operaio

non dimenticate ... che LA VIS ha già incassato acconti per il terreno di viale verona, quindi cosa accadrà quando li dovrà restituirli ?
leggete i bilanci di LA VIS noterete che nel medio periodo è affidata SOLO da CASSE RURALI ecco perchè la LA VIS non può fallire ...
tutti gli altri istituti di credito a livello nazionale concedono solo crediti a breve di importo contenuto... forse perchè di certe CERTIFICAZIONI pagate non si fidano e nemmeno del SISTEMA TRENTINO !
però ZANONI & C hanno speso per il piano triennale quasi un milione e mezzo di euro (dichiarati.. quindi ne avranno spesi molti di più) .. per avere la situazione attale ? tranquilli ... ora è stato commissionato un nuovo piano triennale via altri soldi per consulenze !!! E VOI PAGATE !!!

bravo spes pù de spes

E' così tutto va bene ... ci sono i soldi per i dipendenti (ai quali aumentano le paghe) ci sono i soldi per i fornitori e per i creditori (infatti dal Consorzio Vini alla LaVis non hanno chiesto di pagare la quota che dovevano gli hanno solo buttati fuori dal consiglio perché pagavano con troppa regolarità).
A questo punto il poco più di 1 milione di euro che i 5 comuni devono alla LaVis può essere posticipato e l'autofinanziamento agli ex soci può essere pagato....
e TUTTI SONO CONTENTI.

game over x nessuno Spes

Non ci sono i presupposti per una chiusura di una qualche azienda del Gruppo Lavis. Al massimo si andrà verso qualche cessione, ma nemmeno quella a mio avviso avverrà. Quello che molti non vogliono mettersi in testa è che si sta migliorando la situazione. Tutti continuano a parlare di bilanci farlocchi e di insolvenze.
A me risulta tutto il contrario. Fornitori pagati con regolarità, dipendenti pagati con regolarità, Casa Girelli che produce e vende incrementando fatturato e UTILI.
Certo la Cantina fa un po' più fatica. Non vedo tutti questi problemi. E non credo nemmeno ci saranno contraccolpi eclatanti. Casa Girelli sarà spostata, tra un paio di anni, e si venderà il terreno di viale verona.

game over x chi ?? operaio

e quindi a Girelli cosa succederà,? essendo l'unica che "produce" non sarà anche l'unica a dover chiudere ???

studentato? game over

A parte che la pat ha valutato il terreno si e no 8,5 milioni, sanno tutti ormai che la pat non lo finanziera'. Fine dei giochi.

studentato studente

Quella dello studentato in Viale Verona era solo l'ennesima idea bislacca della provincia per poter dare soldi alla La-Vis senza creare insurrezioni popolari . Infatti sarebbe risultato che la PAT avrebbe girato 13 milioni di euro alla cantina, avendo però in cambio un ''indispensabile'' terreno sul quale costruire un ''indispensabile'' studentato . Fatto sta che nel frattempo Dellai non è più governatore e non conta ormai niente , i soldi sono finiti e ci si è accorti che lo studentato ''indispensabile'' non è più una necessità così prioritaria . E anche se tornasse ad essere tale, si riciclerebbero tutti gli spazi che sono rimasti vuoti al quartiere delle Albere , visto che si sa già che rimarranno invenduti a vita . Quindi finisce così il sogno La-Vis di rifilare il terreno alla PAT in cambio di tanti bei soldini per un'opera stupida ed inutile . Meno male che almeno questa volta ci si è fermati in tempo ! Ogni tanto anche nelle torbide storiacce trentine c'è il lieto fine ed il bene trionfa .

Casa girelli anonimo

13 milioni x Casa girelli? Ma è vero che la provincia non compera più il terreno? E Zanoni che fa guarda? Potrebbe
andare dai cinesi ormai comperano tutto . Poveri operai

Chi la vuole la patata bollente? Nostradamus

Nella straordinaria megalomania di dirigenti alla canna del gas rimane solo da stabilire chi prendera'a mano il gruppo Ethica e il relativo indebitamento.Al di la'del quoziente di antipatia nessuno vuole la patata bollente e cosi'alla fine tocchera' a mamma Cavit occuparsene.Con circa 10 milioni di euro all'anno per dieci anni il problema si risolvera',qualche testa saltera',Casa Girelli,Villa Cafaggio e Cesarini Sforza troveranno una sistemazione e tutto si risolvera'.Qualcuno ha scritto che se si fosse seguito il piano Pedron prima si sarebbero risparmiati 4 anni e tanti soldi e probabilmente aveva perfettamente ragione.La cosa che da maggiormente fastidio e 'che tutta questa storia e'un po'lo specchio della situazione del nostro paese e finche'non si interrompera'il legame di potere fra curia e politica tanta povera gente verra'illusa con false promesse fino a che improvvisamente saltera'tutto per aria.Ognuno comunque ha la sua coscienza e ogni sera di fronte allo specchio rende conto a se stesso.Chissa'che qualcuno non si faccia un po'schifo!

Bravo spes più spes

Bravo spes tu si che hai ragione, per fortuna che ci sono persone che la pensano ancora come te.
W la LaVis

Fuori dal tunnel ? Spes

io credo che Lavis sia ormai fuori dal tunnel della sua personale crisi. Ritengo che l'operazione di salvataggio si stia per concludere. Quello che scrive QT potrà anche essere vero ma non ha inficiato per nulla il proseguo dell'attività operativa del gruppo. Ergo, può essere considerato non rilevante.
Nel momento in cui i soci (non gli ex) sono pagati regolarmente non vedo alcun problema. I fornitori sono pagati, i dipendenti ricevono il loro stipendio in modo regolare. A 4 anni dal quasi tracollo non capisco che cosa si voglia ancora ....

Alitalia? NO GRAZIE!

Alitalia non paga i grossi fornitori avendo solo debiti, Speriamo alla Lavis si siano fatti pagare in anticipo......

il canaletto OPERAIO

Trentino di ieri 04/03 annuncia il matrimonio tra Alitalia (si ... proprio la ingloriosa compagnia nazionale ... ) e LA VIS per la vendita del CANALETTO, storico marco di Casa Girelli ...
ecco i veri ASSET di LA VIS, il marchio CANALETTO (frutto delle fatiche della famiglia Girelli e dei dipendenti di Casa Girelli) ... e il terreno di viale Verona.. quindi cari soci LA VIS accendete un bel cero, che forse i cugini TERRONI di Trento sud vi concederanno ancora qualche mese di vita ...
l'articolo si conclude con il solito comunicato stampa di Zanoni & C.. che ricorda che "ormai il peggio è passato .. e che grazie ad un solido management si potranno raggiungere gli obiettivi del risanamento aziendale e di una equa remunerazione del prodotto conferito ... "
Per solido management si intende ovviamente che "VISTO QUELLO CHE LI PAGATE E VISTO QUANTO VALGONO SUL MERCATO .. a LA VIS hanno messo radici ... e di certo nessuno ve li verrà a rubare ! " .. che risate !

Forconi La Protesta

Date corpo alla protesta, la PAT deve intervenire. Proporrei il movimento dei forcettoni o delle pirone che così per il maggna maggna tornano tutti alla greppia: Panizot, Giacomoni, Peratoner...

x sig cesare che bassezza

Ahh, che bel termine per definire bilanci taroccati e fasulli"BILANCI NON PERFETTI".........
Mi scusi, ma lei non si vergogna nemmeno un pò?
Non si vergogna di coprire le spalle a chi agisce nella truffa e nell'inganno verso persone terze ?
Non si vergogna di dare delle attenuanti a chi, con i loro bilanci, sta mandando a catafascio la cantina?
Non si vergogna a sapere che a tutt'oggi la "SUA" cantina ha da restituire tutti gli autofinanziamenti a chi ha avuto le "PALLE" di affrontare l'attuale dirigenza e andarsene in segno di protesta?
Non si vergogna di mettere la testa sotto la sabbia come gli struzzi ,dando per imperfetti dei bilanci artefatti, sperando che quando la tirerà fuori la PAT risolva i problemi?
Se ha dei figli , o dei nipoti, ha mai pensato all'esempio che da a loro pensando che"COSI' FAN TUTTI?" e chi se ne frega? Sono deluso che un socio di una coop (perchè tale penso lei sia) si abbassi a un cosi'subdolo giochino dello scaricabarile, io fossi al posto suo mi preoccuperei seriamante per quello che stà succedendo là, ma lei probabilmente le "PALLE" non le ha e non sa nemmeno cosa sono, tranne averle viste al campo sportivo quando gioca il Lavis.

la differenza è nei termini o nel contenuto ? x Cesare

vero c'è differenza come c'è differenza in cosa ho scritto , ho parlato se facevi riferimento a dati falsi mentre tu hai parlato di bilanci non perfetti.
cosa intendi un bilancio non perfetto, ti va di spiegarlo ? immagino sai a cosa alludevi .
buona serata
Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.