Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

La scuola di Ugo Rossi

Giovanna Giugni

Ecco finalmente la ricetta per la nuova scuola targata Rossi. Dalle prime sommarie avvisaglie sembra somigli molto a quella nefasta delle tre “I” berlusconiane che dovevano portare innovazione e hanno peggiorato la qualità del sistema scolastico.

La scuola trentina è tutta chiacchiere e distintivo. I docenti sarebbero ben lieti di sfruttare i 60 minuti di lezione senza essere costretti a recuperi forzati, utili solo a garantire corsi di sostegno a costo zero.

Generalizzare sui docenti che usufruiscono di ferie extralarge è come dire che i politici sono tutti ladri. Discorsi populisti che gettano fango su una categoria di lavoratori in prima linea contro l’ignoranza (che genera spesso maleducazione e supponenza) di giovani ed incolpevoli generazioni, a cui sono state scippate conoscenze e speranze di futuro.

I docenti sono già molto flessibili: quelli trentini, poi, lo sono in particolare, costretti come sono a misurarsi con la creatività dei vari assessori che aggiungono ad ogni mandato oneri senza onori.

E se si utilizzassero le risorse dell’autonomia per rimpinguare lo studio del Diritto e dell’Economia, della Storia dell’Arte e dell’Ortografia? E se le lingue straniere fossero insegnate, grazie alle risorse disponibili, attraverso soggiorni all’estero per i ragazzi, in modo massiccio e aperto a tutti? Invito il presidente Rossi a fare un giro di ricognizione nelle scuole, a far leggere ai nostri studenti delle superiori un semplice articolo di giornale: si accorgerebbe che il livello di comprensione è basso e che la povertà di linguaggio stringe il cuore.

Invece di innovare a spese dei docenti, e spero senza la complicità del sindacato, si pensi a restituire anche in Trentino sia lo scatto di anzianità 2013 (come nel resto del Paese) che la dignità dell’azione didattica, nonchè la libertà ed autonomia della valutazione.

Commenti (0)

Nessun commento....

Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.