Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

Una lapide in memoria dei “ricorsisti”

Alessandro Giacomini

Da una parte ci sono i disoccupati i disabili le madri in difficoltà economica, insomma una buona parte di noi trentini; dall’altra ci sono i politici ed ex politici con i loro vitalizi, e una politica che ancora gode di ingiustificati privilegi.

Che la distanza tra la politica e i cittadini fosse enorme tutti ne erano consapevoli. Molti trentini però riponevano nella riforma dei vitalizi la speranza di ridurre questa distanza. Purtroppo così non è stato e ora domina l’indignazione. È insopportabile che alcuni nostri ex governanti si siano aggrappati alla giustizia per mantenere dei privilegi, anzi no, una sorta - mi si passi il termine - di bottino legalizzato, ricorrendo contro una legge dell’autonomia.

Appare evidente che i cosiddetti ricorsisti hanno causato un doppio danno: esternamente la nostra autonomia non appare più come un modello, ma al contrario è una fotografia la cui immagine appare come l’autoscatto della situazione italiana. Internamente, riconquistare la fiducia dei trentini che animano la vita sociale tra volontariato e spirito di servizio a livelli di primato, sarà impresa assai difficile; aver deluso questo tessuto significa aver ferito il cuore dell’autonomia e il timore è che la cicatrice resterà per sempre.

Allora che fare se lo sdegno, la raccolta di firme, le incursioni in Consiglio provinciale e le innumerevoli manifestazioni non hanno scalfito il senso morale di questi politici?

Abbiamo scelto l’unica strada percorribile e sicuramente incisiva a livello psicologico, attivando un comitato con un referente per ogni Comunità di valle, per non dimenticare questa squallida vicenda. Chiederemo a tutte quelle amministrazioni trentine che ancora respirano la voglia di giustizia di attivarsi allo scopo di dedicare, a tutti i ricorsisti, una targa a memoria dei fatti e di esporla con ampia visibilità presso gli spazi pubblici, cosicché resti a imperitura memoria e sia di monito alle future generazioni, perché non sempre una lapide ha un intendimento elogiativo.

Il referente del comitato dovrà insistere presso le Comunità di valle e le amministrazioni locali e al limite, dove non sarà recepito tutto ciò, coinvolgere gruppi di privati cittadini sensibili alla tematica.

Sulla targa o lapide dovrà essere ben visibile il nominativo del politico accompagnato da questa scritta: “Questo ricordo dovrà vivere per sempre nelle nostre menti: nell’anno 2017, con caparbietà e sprezzo delle istituzioni, il ricorsista, nonché, purtroppo, nostro conterraneo XY, difese con determinazione degna delle mitologiche amazzoni [se donna] o di Thor il guerriero nordico [se uomo] il proprio vitalizio e mai volle restituire ciò che la stessa legge morale gli imponeva. Non lo ricorderemo per quello che ha fatto, ma sarà giudicato per quello che avrebbe dovuto fare”.

Commenti (0)

Nessun commento....

Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.