Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Cari no-vax...

Sono un ottantenne. Quando frequentavo le elementari, negli anni quaranta, nel giro di pochi giorni, persi quattro compagni della mia scuola, uno della mia stessa classe. Non li vedevo più a scuola: la motivazione la leggevo sui manifesti mortuari lungo il corso cittadino che percorrevo per andare a scuola. Morti per tifo. Anche un mio fratello lo ebbe. Si salvò perché mio padre seppe che gli Americani - era il primo dopoguerra - stavano a Roma e avevano portato una medicina eccezionale: la penicillina. La trovò in Vaticano. Così mio fratello si salvò. Una sola pasticca costava, lo ricordo ancora, mille lire, una cifra enorme allora.

Oggi, quando sento questa incredibile opposizione alle vaccinazioni, mi verrebbe da gridare dal balcone di casa.

Commenti (0)

Nessun commento.

Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire altre verifiche e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.