Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

Consigli per un “addestramento” efficace

Come distinguere un volatile da richiamo, come fregarlo, cosa fare se non canta

Come distinguere un volatile da richiamo? Prendiamo l’esempio del tordo: poiché canta solo il maschio e i sessi della specie non presentano un dimorfismo evidente, è necessario individuare il maschio attraverso un’esplorazione interna. Ce la illustra un manuale per cacciatori: “Si prende il tordo e dopo avergli tolto un po’ di penne dal ventre si fa con il bisturi un taglio trasversale al termine delle costole, appena al di sotto del peritoneo. Con una spatola di legno si scostano gli intestini per poter esplorare il fondo del torace. Proprio contro la schiena, al di sotto dei reni, se l’animale è maschio, si scorgeranno due ghiandole nere che sono gli organi genitali. Compiuta l’operazione si ricuce il ventre con filo di seta”.

Un nido di cesene.

Come si ottiene un buon risultato? Si provoca al volatile individuato una muta indotta spennandolo con cura in modo che, nel periodo di apertura della caccia, il sopravvissuto si ritrovi un bel piumaggio nuovo e, credendo erroneamente di trovarsi nella stagione degli amori, si metta a cantare a squarciagola.

Come fregarlo? Due - tre mesi prima del tempo di caccia, poco per volta gli si riducono artificialmente le ore di luce giornaliere in modo da fargli credere di essere in inverno: rimarrà tranquillo senza cantare. In autunno, ad apertura della stagione venatoria, si fa il contrario e lui si convincerà di essere in primavera, stagione degli amori: subito si metterà in cerca di femmine emettendo cinguettii d’amore e a difesa del territorio.

Come fare se, per puntiglio, non canta? Potete accecare l’ingrato con uno spillino, legargli le ali, tirargli con asprezza le penne della coda, torcergli la testa, mutilarlo, serrarlo nella mano ovvero sottoporlo a sevizie che lo costringano a cinguettare. Se insiste nel suo ostinato mutismo, potrete sempre consolarvi procurandovi farina gialla e un paiolo pieno d’acqua.

Articoli attinenti

Nello stesso numero:
I contributi alla tortura
“Ma sol per passion”

Commenti (3)

webmaster

per Valentina!
Non so a chi tu ti riferisca... sicuramente con noi sfondi una porta aperta! Questo articolo infatti faceva parte di una serie di articoli di cui il principale si intitola "contributi alla tortura" che ti invito a leggere.
L'intenzione di questo pezzo è spiccatamente satirico riguardo "l' appassionato" intervistato che racconta le sue "prodezze" come se nulla fosse... vedi articolo “Ma sol per passion”.

Valentina

Buongiorno,
le auguro che un giorno qualcuno decida di utilizzare Lei come uccello da richiamo, riservandole lo stesso trattamento. Complimenti per l'umanità e per l'amore per la natura da Lei dimostrato.
ps: "i commenti contrari all'etica del sito saranno eliminati". avete anche il coraggio di parlare di etica?

gionni gianpiero

ciao sono molto appassionato ai fringuelli e al loro cannto. sto cercando un cd col canto del fringuello.o due coppie ma il verso non lanno bello sono due mezzoni. se mi potreste aiutare a trovare un bel canto per dargli la scuola ne sarei grato. sintende sempre pagando naturalmente. aspetto una risposta .grazie per ora.ciao
Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.