Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

Marchionne, io speriamo che me la cavo

Il rettore Collini e il neolaureato Marchionne

La cerimonia della laurea honoris causa a Sergio Marchionne non è stata, nonostante i presupposti, un momento banale. Non tanto per le contestazioni di un gruppo di studenti, tenuti lontani, all’esterno del padiglione di Trentino Sviluppo, ma per merito dello stesso Marchionne.

Il quale si è sì esibito in una patetica, retorica replica di Steve Job, invitando i giovani a “seguire i vostri sogni”… Ma ha anche affrontato di petto due temi centrali nel settore dell’automobile, la propulsione elettrica e l’auto intelligente.

Sulla prima ha malamente cercato di confondere le acque: ammette che Fiat non ci ha investito, ricorda che a livello globale 2/3 di energia elettrica derivano da fonti fossili, e conclude “forzare l’introduzione dell’elettrico su scala globale, senza prima risolvere il problema di come produrre l’energia da fonti pulite e rinnovabili, rappresenta una minaccia all’esistenza stessa del nostro pianeta”. Come dire, siccome 2/3 dell’elettrico viene dal fossile bruciato in grandi centrali dall’inquinamento controllabile, continuiamo a usare le auto al 100% spinte da energia fossile bruciata in piccoli motori poco controllabili. Non c’è logica alcuna nel ragionamento, se non una difesa dei non investimenti Fiat nel settore (per quanto non ascrivibili solo a lui).

Sull’auto intelligente invece è parso più sincero: è una grande opportunità, sarà il futuro, ma i protagonisti del cambiamento non saranno le case automobilistiche (bensì i colossi di Internet e dell’informatica, ci è parso di capire). Fiat, che anche qui è a zero (ahi, quanto pesa il non investire in ricerca!), dovrà vedere bene come giocarsi le sue carte, con alleanze indovinate, e sviluppando un minimo di tecnologia al riguardo.

Insomma, io speriamo che me la cavo. Che ovviamente non è il massimo, ma è un discorso onesto, e che spiega in maniera convincente la partnership con Meccatronica di Rovereto.

Parole chiave:

Articoli attinenti

In altri numeri:
Pagliacciata ad honorem
Conformismo

Commenti (2)

marchionne antonio

povera Italia, dalla Fca lavoro e tasse poco o niente

Auto elettrica Carrlo

Marchionne no ha tutti i torti sull'auto elettrica https://goo.gl/XJV7TZ
Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.