Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

Casa in cooperativa: conviene ancora?

Per evitare certi trabocchetti, forse è il caso di pensare a cooperative “fai da te”.

Alle cooperative edili che beneficiano di contributi pubblici è fatto divieto di lucro nell’assegnare gli alloggi ai soci. Sono normative severe, previste a tutela dei soci che realizzano alloggi di tipo economico-popolare, che evidentemente stanno strette a taluni amministratori.

Al Consorzio Acli Casa hanno superato l’ostacolo creando una immobiliare privata non soggetta ai vincoli previsti per le cooperative edili sovvenzionate, denominata Gestione Servizi Piccole Dolomiti. Gli alloggi prenotati dai soci sono venduti alla società immobiliare che li ristruttura o li costruisce senza alcun obbligo di indire gare di appalto o di prevedere capitolati assimilati a quelli delle opere pubbliche, e senza l’obbligo di nominare un collaudatore che verifichi il rispetto dei capitolati da parte delle imprese. La Gestione Servizi Piccole Dolomiti rivende poi gli alloggi alle coop del Consorzio Acli Casa al prezzo che crede e, si badi bene, in questo caso è ammesso anche il lucro, giacché è una società privata.

In un caso specifico, quello del socio Giovanni Pallaoro, il gioco è stato interrotto dall’intervento del Codacons che ha segnalato al Procuratore della Repubblica un ulteriore dettaglio di assoluta gravità: il presidente della Cooperativa La Rocca, il presidente del Consorzio Acli Casa ed il presidente della società immobiliare, sono la stessa persona. Anche tra la cooperativa Casa Insieme (Acli) e la società immobiliare esistono anomali collegamenti, in quanto l’avv. Luigi Santarelli, vicepresidente di Casa Insieme, è pure vicepresidente del Consorzio Acli Casa e amministratore di Gestione Servizi Piccole Dolomiti.

Nell’esposto alla Procura, firmato dal Codacons e dal sig. Pallaoro, ci si chiede: "Sarà in grado il presidente della cooperativa edile La Rocca, dott. Guido De Stefano, di avviare estenuanti trattative nell’interesse dei soci, contro il presidente della società Gestione Servizi Piccole Dolomiti, dott. Guido De Stefano, mosso da ben diversi interessi di massimizzazione del reddito della società commerciale? (…) Conforta anche il fatto che la cooperativa La Rocca aderisca alla Federazione Trentina delle Cooperative (inibendo con ciò ogni potere ispettivo della Commissione di Vigilanza sulle cooperative), perché in questo modo il dott. Guido De Stefano, membro del consiglio di amministrazione della Federazione, potrà segnalare con maggior prontezza ogni eventuale irregolarità gestionale prodotta dal presidente della cooperativa La Rocca, dott. Guido De Stefano."

Tutto ciò accade nonostante la presenza di appositi organismi di controllo. Questa considerazione ha indotto il Codacons a chiedere pure una verifica sull’operato di tali organismi oltre che sulle modalità di concessione dei finanziamenti della Provincia.

Che fine hanno fatto gli esposti in Procura? Per ora possiamo solo dire che non sono giunte comunicazioni di archiviazione. Nel frattempo il Codacons ha chiesto a vari gruppi politici di inoltrare interrogazioni in Consiglio e ha ottenuto dichiarazioni di disponibilità e solidarietà, ma poi nessun consigliere ha trovato il coraggio di presentare in aula il problema.

Un doveroso riconoscimento va invece al Difensore Civico dott. Bortolotti, che si è fatto davvero in quattro per cercare di risolvere i problemi dei soci maltrattati, intervenendo più volte presso il Servizio Edilizia Abitativa.

Quanto agli organi di informazione, c’è la sensazione che si sia deciso di far calare l’oblio sull’argomento e così al Codacons spetta l’onore delle prime pagine quando segnala la presenza di un vermicino negli spinaci surgelati, ma quando denuncia irregolarità nella gestione delle cooperative, con ipotesi di reato simili a quelle recentemente assurte alla cronaca nazionale, è già tanto se riesce ad ottenere un trafiletto.

In questa situazione ed in attesa che la Provincia metta ordine nelle grandi cooperative che beneficiano di contributi pubblici, chi investe i sudati risparmi per realizzare la casa in cooperativa lo fa a proprio rischio e pericolo.

Rimane possibile un’alternativa per chi non può permettersi di acquistare alloggi ai prezzi di mercato: accedere alla contribuzione pubblica mediante la creazione di nuove cooperative autonome, slegate dai gruppi dominanti, di modeste dimensioni, soggette al controllo della Commissione di Vigilanza sulle Cooperative e amministrate direttamente dai soci.

E’ una strada che il Codacons raccomanda, perché permette di beneficiare dei vantaggi propri della cooperazione senza accollarsi al contempo problemi economico-finanziari pregressi e senza rischiare di finire nelle mani di amministratori con scopi diversi dagli interessi sociali.

I problemi tecnici e contabili non devono preoccupare: il Codacons darà adeguate informazioni sui professionisti a cui rivolgersi e non mancherà di fornire la consulenza dei propri esperti.

Un esempio di persone che potrebbero benissimo imboccare questa strada è costituito dagli inquilini delle case di proprietà degli istituti previdenziali, ai quali viene offerta la possibilità di acquistare gli alloggi occupati a condizioni di particolare vantaggio se lo faranno in cooperativa, come ad esempio nel caso degli alloggi INAIL.

Parole chiave:

Articoli attinenti

Nello stesso numero:
Casa in cooperativa da sogno ad incubo
In altri numeri:
Casa in cooperativa: avvertenze prima dell’uso
Cooperative edili: tassi di interesse alle stelle
L’ombra della speculazione

Commenti (2)

socio con acquisto immediato casa Coop. ACLI mery

buongiorno, alla luce di quanto è emerso nella nostra circostanza con l acquisto di un immobile in costruzione, non vi sono stati controlli ne informazioni aggiuntive poste a noi acquirenti, in quanto siamo stati bidonati da un acquisto come soci assegnatari, della cooperativa edilizia ACLI convenzionata, la quale avrebbe dovuto tutelare i nostri interessi economici, in quanto l acquisto attraverso una cooperativa era volta a un risparmio.
Invece ci siamo visti addebitare nel momento in cui abbiamo preso possesso dell'immobile l anno prima del rogito avendoci assegnato e occupato con regolare autorizzazione alcuni degli immobili come il nostro finito, attraverso già le prime assemblee alcune spese tra cui le installazioni di luci cancellate a protezione della costruzione porte tagliafuoco, nottolini estintori etc.. etc.. insomma tutti gli apparati che l'impresa doveva concludere prima che gli immobili fossero consegnati, sta di fatto che ci siamo accorti che alla fine delle consegne degli ultimi immobili, molti assegnatari erano transitati con patto di futura vendita ottavo programma, e in affitti concordati, in quanto non vi erano per alcuni soggetti i requisiti per gli acquisti poiché senza reddito congruo, non avendo il benestare dalle banche per l erogazione del mutuo, sono così stati obbligati a diversificare le occupazioni. cosi' facendo ci hanno in poche parole fregati in quanto mentre noi l anno successivo lo abbiamo acquistato saldando il dovuto con regolare rogito dal notaio, ci hanno continuando a far pagare anche le spese aggiuntive di costruzione come gli affittuari, che nulla ancora avevano pagato al costruttore, per cui noi siamo stati sin da subito vessati di spese abusive, tra mutuo tasse e spese condominiali di costruzione straordinarie e ordinarie. Ora a distanza di quasi 10anni, abbiamo anche perso l immobile in quanto l'illeggitimato amministratore che nulla aveva a che vedere con la cooperativa in quanto anche lui è un assegnatario di uno degli immobili nonché è un privato, eletto dai locatari e non da noi proprietari ci hanno messo in mora per non averci voluto restituire le spese che noi avevamo già erogato all atto d acquisto, addebitandocene ulteriori svolgendo abusivamente alcune assemblee senza il nostro consenso. si sono arrogati il diritto di obbligarci a pagare aumentandoci in modo sproporzionato molte delle spese. Senza contare che il nostro immobile è stato assegnato e ora acquistato dai nostri dirimpettai, i quali proprio essi erano coloro i quali hanno sempre pagano meno di noi tutte le spese di condominio. oltre a essere già assegnatari del loro immobile locato da dieci anni Mi domando come possano avergli assegnato con gli stessi benefici un ulteriore immobile quando la legge vieta 2 assegnazioni nello stesso territorio regionale? Mi preme mettere in guardia gli utenti che avessero intenzione di mettersi nelle mani di alcune cooperative senza informarsi molto bene prima di avvicinarsi ad acquistare un immobile.

difrancesco giuseppe

come è andata a finire? Leggendo la vostra storia mi si è gelato il sangue, perchè, anche io sono socio di una cooperativa indivisa in Piemonte, e penso che prima o poi avremo anche noi il medesimo problema. Sinceramente non so come comportarmi se andarmene al piu' presto, oppure rimanere in questa situazione.
Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.