Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

L’inchiesta elogiata (e condannata)

Il Tribunale Civile di Trento apprezza la nostra inchiesta sulla LaVis. Ma poi ci condanna...

Il Tribunale Civile di Trento ci ha condannati, per “offesa arrecata all’immagine della LaVis e all’onore e reputazione dell’ing. Marco Zanoni” a 39.000 euro di risarcimento, più 9.000 di spese legali.

Naturalmente ricorreremo in appello: intanto però illustriamo ai lettori questa sentenza, della quale peraltro, e non a caso, la stessa LaVis si è guardata dal menare vanto.

Nelle prime dieci pagine della sentenza, la giudice dott.ssa Monica Attanasio concorda con quanto scritto da Questotrentino (nei sei articoli oggetto del contendere, dal marzo 2011 al marzo 2012). È corretta la quantificazione in 25 euro al quintale della remunerazione “di fatto entrata nelle tasche dei contadini” nel 2010 (rispetto ai 104,89 nel 2008); era legittimo parlare di preoccupante “fuga” di soci dalla Cooperativa, e di ostruzionismo alla loro uscita; corretti anche i commenti all’”indebitamento eccessivo della Cooperative e ad una gestione in perdita” dell’esercizio 2009/10.

Su uno dei punti più critici (e da noi criticati) della vicenda LaVis - i rapporti della Cantina con ISA - il giudizio del Tribunale è molto netto: “L’intera operazione, oltre che opinabile sotto il profilo finanziario, atteso che il ricorso a finanziamenti erogati da istituti di credito avrebbe ragionevolmente consentito di pattuire un tasso di interesse più basso ed una sua restituzione in tempi maggiormente dilazionati, si caratterizzò per la sua opacità...”.

Ne consegue che le nostre denunce erano corrette. Come pure non certo denigratorio era imputare a Zanoni, Commissario della Cantina, il rifiuto alla rinegoziazione dell’accordo con Isa. Né denigratorio era criticarlo per “non aver operato una cesura netta rispetto alla precedente gestione, ma di aver al contrario confermato le persone che ne erano state responsabili (l’ex direttore Peratoner e il vice Andermarcher, n.d.r.) in posizioni che, pur ridimensionate rispetto al passato, erano comunque apicali”. Anche qui la giudice è molto netta: “Si trattava di critica fondata su un dato di realtà, e legittimi e rispondenti ad un interesse pubblico erano gli interrogativi che ne derivavano, di cui il giornalista si era reso portavoce”.

La giudice poi - attraverso un’attenta analisi dei documenti, che qui giocoforza sintetizziamo - concorda anche con le nostre denunce su “specifiche operazioni caratterizzate da scarsa trasparenza e/o dubbia convenienza”. “È il caso - scrive il Tribunale - dell’accordo concluso fra Ethica (società interamente controllata da LaVis, n.d.r.) ed ISA... è il caso inoltre, della FWI, società americana partecipata da Casa Girelli e distributrice esclusiva dei prodotti di tale società e della Cantina LaVis sul mercato statunitense: in alcuni dei suoi articoli il Paris ne parla come di un ‘buco senza fondo”.

In proposito la giudice, citando una risposta della Provincia a un’interrogazione consiliare, la relazione sul bilancio 2010 di Casa Girelli, come pure la relativa relazione del collegio sindacale, concorda con il nostro sconcerto di fronte alle ripetute forniture di vino a FWI che mai pagava, al conseguente formarsi di crediti milionari cui poi la Cantina troppo facilmente rinunciava ascrivendoli a perdita.

In questo contesto - conclude la giudice - appariva ed appare in effetti difficilmente comprensibile che al commissariamento non si sia accompagnato un completo rinnovo del management - e l’ing. Zanoni, proprio per le sue competenze professionali, doveva sapere quale importanza riveste la discontinuità manageriale”. (Qui semmai alla giudice potremmo far notare come le nostre critiche a Zanoni non riguardino solo la mancata rimozione di Peratoner e Andermarcher per il pasticcio americano, ma anche la sua - di Zanoni - frettolosa rinuncia a 6 milioni di crediti presso FWI).

Insomma, per la giudice le nostre critiche sono risultate fondate e legittime, per di più inserite “nell’ambito di una più ampia ricostruzione operata dal giornalista del sistema della cooperazione, della sua gestione politica, delle prospettive di riforma in funzione di una sua maggiore democraticità”.

Dove sta l’offesa?

Ma sono da ritenersi espresse in termini offensivi? No, argomenta il Tribunale, “si tratta, è vero, di critiche espresse in forme spesso aspre, veementi, provocatorie” ma “va ricordato che l’esercizio del diritto di critica consente l’utilizzo di espressioni forti ed anche suggestive al fine di rendere efficace il discorso e richiamare l’attenzione di chi ascolta” e che le espressioni da noi adoperate nei confronti di Zanoni e della Cantina, “se pure colorite, rudi, forti, iperboliche, si sono tuttavia mantenute all’interno del tessuto narrativo ed argomentativo dei temi esaminati, senza quindi trasmodare in aggressioni verbali gratuite ed ingiustificate”.

Ma se le cose stanno così, se la giudice sembra perfino apprezzare “le vicende narrate e le tematiche affrontate negli articoli di cui si discute” dei quali sottolinea “la risonanza politica” “l’eco e il riscontro in interrogazioni in Consiglio provinciale”, “il sicuro interesse per l’opinione pubblica”, in presenza insomma di tutte queste valutazioni positive - si chiederà a questo punto il lettore - come mai una condanna?

Ce lo chiediamo anche noi.

In questo nostro lavoro per far emergere una vicenda grave, complessa, dalle molteplici opacità, dove abbiamo sbagliato?

I nostri “errori”

Sono sostanzialmente tre i punti che la giudice ci contesta. Il più grave sembra essere l’aver posto “nuovi interrogativi, riguardanti non più la vecchia gestione, ma quella del Commissario Zanoni”, sostenendo che “l’avviato risanamento della LaVis sarebbe soltanto una ‘versione ufficiale’, contrabbandata dal Commissario alla stampa locale”. E tutto questo senza portare motivazioni, anzi fornendo “informazioni errate, se non del tutto false” attribuendo al bilancio 2010/11 “‘quasi 80 milioni di debiti (79,6 per la precisione)’”, mentre in realtà erano 65.247.433.

Ora francamente, che il risanamento della LaVis fosse al 2011 una mera “versione ufficiale per la stampa”, ci sembra più che acclarato da tutti i fatti successivi, compresi l’attuale stop al credito da parte delle banche e i milioni che la giunta Rossi cerca disperatamente di convogliare alla Cantina, con ogni evidenza tutt’altro che risanata; ma anche nei nostri articoli di allora le motivazioni le portavamo, a partire da significativi passaggi della relazione di Revisione Cooperativa del 2011, che l’operato di Zanoni sostanzialmente stroncava. In quanto poi al dato da noi riportato sui debiti nel bilancio 2010/11, non è errato e si tratta di comprenderne l’esatto senso, come sarà argomentato in Appello.

Il secondo punto che ci viene contestato riguarda “il discorso del ‘buco nero’ di FWI (la società americana in cui sparivano i milioni della Cantina ndr) affermando che nel marzo 2011 nel CdA di tale società era entrato Fausto Peratoner e chiosando che ‘Sembra un ingresso fortunato: secondo notizie che ci aspettiamo vengano quanto prima verificato, la FWI, nonostante le perdite milionarie, pare abbia riservato compensi altrettanto milionari ai proprio amministratori, per la precisione 1.051.000 dollari’”.

La giudice lamenta la mancanza di qualsiasi prova dell’ingresso di Peratoner nel cda di FWI, e che anzi, nella documentazione da noi prodotta, la somma di 1.051.000 dollari “è riferita non ai compensi degli amministratori, ma alle spese generali e amministrative”.

Anche qui capiamo fino a un certo punto il ragionamento della giudice: se le nostre prove sull’attività di Peratoner in FWI sono lacunose o insufficienti, è cosa di cui può dolersi lo stesso Peratoner, non certo LaVis o Zanoni. I quali anzi dovrebbero esserci grati se, con le nostre modeste capacità investigative, abbiamo rivelato un legame tra l’ex direttore e la società in cui sono spariti i milioni della Cantina; anzi, magari potrebbero loro approfondire la cosa e finanche esercitare fino in fondo un’azione di rivalsa (come più volte richiesto dai soci in assemblea e per ora avviata in termini molto timidi) sull’ex amministratore. Il quale quindi potrebbe essere l’unico a risentirsi di quanto da noi scritto: ci faccia una causa, così avrà finalmente modo di spiegare i suoi rapporti con la società americana, i suoi compensi e soprattutto la fine di almeno sei milioni di euro.

Infine la terza contestazione del Tribunale: “Prendendo le mosse da un fatto vero, e cioè il diniego frapposto alla richiesta di un socio di avere copia di alcuni documenti” noi siamo arrivati “ad affermare che il diniego comportava una consapevole espropriazione dei soci dai loro diritti e poteri”.

Ma questo diritto dei soci è in realtà molto limitato, puntualizza il Tribunale e “i documenti di cui era richiesta copia non rientravano tra quelli accessibili ai soci”. Quindi la nostra accusa a Cantina e Commissario di aver scientemente violato i diritti dei soci, è ingiusta. E tale rimane anche se, nel numero successivo, noi la ritiravamo, “inquadrando questa volta il tema nell’ambito normativo vigente: ‘Il socio che chiede documenti si trova di fronte le porte sbarrate (citazione da QT dell’aprile 2011, riportata dalla giudice, n.d.r.); come abbiamo denunciato nel numero scorso, al socio che chiedeva i contratti di LaVis con Isa e FWI, il commissario Zanoni ha risposto di no. Quelle carte se le tiene per sé. E purtroppo ha ragione. Il codice civile prevede che il socio possa accedere solo ai bilanci, ai verbali delle assemblee, ai libri dei soci. Cioè praticamente a niente; conoscendo come sono fatti i bilanci, un socio, anche con il supporto di un commercialista, se non può accedere ad ulteriore documentazione, non ha contezza delle dinamiche aziendali, insomma non ha poteri”.

Questa citazione illustra bene il senso della nostra inchiesta, rivolta a scavare - anche indagando su un caso forse estremo come quello della LaVis - all’interno delle evoluzioni (o involuzioni) del mondo cooperativo, in particolare nei critici e cruciali rapporti tra soci e management. Per la giudice invece questo nostro scritto costituisce la ritrattazione di un’accusa ingiusta (“aver scientemente violato i diritti dei soci”), che pertanto è rimasta operante dal marzo all’aprile del 2011, un “ristretto arco di tempo” cui va però commisurato il danno subito da LaVis e Zanoni.

Una questione di democrazia

Queste quindi le imputazioni in base alle quali siamo stati condannati a pagare un totale di 48.000 euro.

Come detto, non siamo d’accordo. È una questione di democrazia. Da una parte c’è un’inchiesta complessa, articolata, di sicuro spessore sociale come riconosce lo stesso Tribunale; dall’altra qualche secondaria imprecisione (una sola, quella sui diritti dei soci, secondo noi, peraltro prontamente corretta). Non si può tagliare le gambe a chi ha svolto un lavoro di tale portata, pluriennale per via di una svista. Vorrebbe dire, nei fatti, proibire il giornalismo d’inchiesta.

Già oggi, come denunciato in questi giorni dal presidente Fabrizio Franchi all’Assemblea dell’Ordine, i giornalisti sono soggetti a pesanti intimidazioni, e porta ad esempio proprio la Cantina di La-Vis, “un grande buco nero per le casse pubbliche. Ebbene, le minacce hanno fatto un salto di qualità: i dirigenti della Cantina, a iniziare dal suo presidente, non solo inviano diffide ai giornali, ma attaccano pubblicamente dei colleghi, facendone nome e cognome - Ettore Paris di Questotrentino, Enrico Orfano del Corriere e Francesco Terreri de L’Adige: un evidente invito ai soci della cantina ad agire contro di loro”.

Noi aggiungiamo come nei quotidiani si sia ormai fatta strada la massima “meglio il buco che la querela”, meglio evitare di dare una notizia che rischiare un procedimento giudiziario da parte di soggetti particolarmente aggressivi.

Noi crediamo che questa sia una china pericolosa per il Trentino, e vi resisteremo.

Finché possibile.

Continua a leggere

Parole chiave:

Articoli attinenti

Nello stesso numero:
La Vis: l’accanimento terapeutico
In altri numeri:
Il Commissario dal naso lungo
Zanoni, la querela boomerang
QT riabilitato, Zanoni no

Commenti (17)

ettoreparis

Direttamente chiamato in causa, faccio presenti due cose:
1) In Appello sono stato assolto, e anzi Zanoni è stato condannato a un significativo rimborso spese, come peraltro scritto già a luglio 2016 nell'articolo "Qt riabilitato, Zanoni no", il cui link è da allora riportato in questa stessa pagina.
2) Il giornalismo d'inchiesta di Qt, ha senso solo se siamo disposti a provare quanto scriviamo in tutte le sedi, comprese le aule giudiziarie. Di scritti anonimi, di accuse indimostrate, è pieno il web, e lasciano in genere il tempo che trovano, mentre Qt, in 37 anni di attività può dire di avere, con la denuncia, provocato anche operazioni di pulizia in una lunga serie di situazioni (un presidente della Pat rimosso, un altro incarcerato, fino ai più recenti casi Lavis o di un'impresentabile e - fino ai nostri articoli - inarrestabile presidenza alla Federazione Cooperative). Tutto questo oviamente comporta rischi. In 37 anni siamo riusciti a ridurli al minimo grazie al lavoro di documentazione che supporta gli articoli, grazie alla credibilità acquistata, per non parlare del sostegno di legali che ci difendono gratuitamente.

facciamo il punto liberta' non e' solo

errata : diffamazione non e' un reato di opinione ( anche se e' entrato nel linguaggio comune l' espressione)

facciamo il punto liberta' non e' solo

questo non e' un discorso ne' astratto ne' poco serio
perche' siamo in un momento storico dove la iberta' di
espressione non e' esattamente sempre tutelata.
rientriamo un attimo nel nocciolo della questione
la condanna a Paris per avere scritto alcune imprecisioni
(detto semplificando)
francamente non e' Tanto la condanna che stupisce e inquieta
ma a sua severita' . diciamo un personaggio come Paris
si potrebbe permettere di sopportare una condanna simile
ha le spalle forti . ma un giovane giornalista potrebbe altrettanto ?
per un giornalista una condanna simile significa vita rovinata
e carriera molto compromessa . facciamo anche l' ipotesi che Paris
venga assolto ( o che la pena diventi molto più' mite)
una condanna cosi' severa sembra un avvertimento e un disincentivo per chiunque volesse scrivere contro il ' potere'
o no? o secondo voi dopo una condanna simile - anche non definitiva- un giornalista rimane sereno e imperturbabile ?
rinnovo il mio invito a spostare la testata fuori dall' Italia
e' fattibile e da' sicuramente qualche garanzia in più in questo particolare periodo storico ,

facciamo il punto liberta' non e' solo

premesso che e' ovvio che se uno e' rintracciabile e' aggredibile
questo e' evidente ( e per questo un noto giornale di controinformazione ha spostato i suoi server in Francia e viene
immesso in rete dove compare con il suo suffisso .fr
ovviamente da un provider francese ...quindi nel coso di intervento
della magistratura italiana dovra' rivolgersi all' azienda francese
e' questo il Punto della sovranita' a quel punto il sito può essere ovunque nel mondo ( anche in italia) ma si va' ad aggredire un soggetto NON italiano e all'estero . in quel caso la magistratura italiana può' solo sperare che lo stato francese dia il via libera
cosa che per reato di opinione non risulta avvenga con facilita'
( e stiamo parlando della di uno stato europeo)
poi certo se divulghi informazioni sensibili allora in quel caso non hai scapo e dovrai rifugiati in Russia come snowden)

lasciamo perdere.

Commenti sgrammaticati e senza un filo logico.
Comunque, visto che questo è il mio ultimo commento in questo articolo, te la riassumo in 3 punti:
1) Con il nome e il cognome, con nick fasulli, o con qualsiasi sito depositato su provider europei in europa sei rintracciabile.
2) Anche se vai (come nel caso da me citato) su piattaforme depositate all'estero come blogspot sei rintracciabile (il caso sempre da me citato dove l'autore scriveva , a differenza di quello che scrivi, dalla Francia su piattaforma all'estero)
3) Ettore Paris e qualsiasi giornalista serio, non scriverà mai sotto copertura o porterà il giornale all'estero.
E comunque prima di parlare e sparare "cose inesatte" (visto che il termine idiozie ti da fastidio) informati su come funziona internet e la giurisprudenza in merito!
Vivi sereno....

attenzione led sex

attenzione il caso della condanna citata e ' di qualche interesse perche' nella sentenza viene citato l' inifluenza della nazionalità' del sito web ( e il sito che si appoggia a google sara' distribuito in qualche web farm) . questo e' un punto importante . perché in quel caso il querelato ( chi ha scritto su quello specifico blog) viene individuato come cittadino italiano e. quel punto facilmente aggredibile dalla giustizia italiana .
caso diverso e' usare scrivere su una piattaforma che abbia sede specifica ( diciamo svizzera o anche Francia) che abbia come referente un cittadino ovviamente non italiano.
a quel punto attendo di leggere un caso di condanna per diffamazione di uno scrivente dalla Francia ( perche' la differenza c' e' e si sostanzia proprio nella sovranità' del diritto nazionale )
una cosa e' scrivere da italiani nel web su una piattaforma che ci individua personalmente . altra scrivere da una piattaforma situata in un altro stato ma che non e' riconducibile a persona di cittadinanza italiana . sarebbe interessante conoscere come si sono comportanti i diversi sistemi nazionali rispetto a casi di questo tipo
Di sicuro la Francia , o altro stato a scelta ,si può' rifiutate di procedere di fronte a qualunque richiesta da parte della magistratura italiana .
altro caso sarebbe scrivere non su un semplice blog ma come giornale
registrato all' estero . in quel momento le controversie si regolano su un tribunale locale . come scritto nel primo messaggio , spostare il giornale all' estero potrebbe essere una valida soluzione
( che e' cosa diversa rispetto a scrivere su un sito che si riconduce ad un utenza/te italiana )

me lo dici il tuo nome ? led sex

caro il mio amico di Ettore Paris
quindi scrivo idiozie?
ti sei preso la briga di cercare un link che non dimostra nulla
ma avvolarora e conferma quanto ho scritto
in quanto il queerlato in questione scriveva dall' italia
sono queste le idiozie che scrovo ma vergogati
e continua a signare un europa dovre il diritto prenale e non sara'
govrernato sotto lo stesso stato di diritto
( anche in qurel caso ci si potra' rifugiare in svizzera)
vediamo se ettore Paris verrà assolto perche' ha detto il vero
oppure no . poi torni dici corsa pensi della sentenza
se gentilmente linkassi un caso di condanna per diffamazione
(emessa da un tribunale italiano )di un giornalista ( la nazionalità' e' indifferente) che scrive dalla Francia , potresti dimostrare che scrivo inesattezze ( idiozie non e' educato ma si sa dove alberga la maleducazione) diversamente possiamo farci un idea del valore di quello che scrivi tu caro amico di Ettore Paris ( sara' vero? o puoi dimostrare)
a tanto per capirci non faccio politica non apoertengo a nessun partito politico quindi inutile che linki cose che riguardano la leganord ...continua a sognare l' Europa unita pero' mi raccomando , un po ' di irrazionalità' e' il sale della vita
e soprattutto del ragionare politico .

non hai capito led lec

caro amico ti ricordo che dalla Francia non e' stato estradato
neppure bvattisti che aveva una condanna per omicidio
ed re' giusto sia cosi' ! perche' se non c' e' sovranita' non c' e' liberta' e non c' e' politica e strato di diritto!
vive la France!

non hai capito led lec

e fino a prova contraria il diritto vale per e entro lo stato italiano ( francese , tedesco , inglese)
cari voi della comunità' europea re del più' Europa!
certo se credi tanto nell' Europa eventualmente puoi fare ricorso
alla corte europea ( oppure chiedere aiuto anche a don Rodrigo nel dubbio)

non hai capito led lec

caro amico di Paris non hai capito oppure non sai leggere
hai notato che ho scritto Svizzera?
poi ti sfido a dimostrarmi che se Qt fosse pubblicato su server francese ( russo etc ) a firma Ettore Rosselli rifugiato in Francia
qualcuno dall' Italia potrebbe denunziarlo...( al li!ite potrebbe farlo in Francia)
sre Ettore non vuole farlo e crede l' Italia sia uno stato che garantisca la vocre degli intellettuali scomodi
e' liberissimo ovviamente .
deve mettere in conto una possibile probaile condanna

Ho capito invece!!!

Nella comunità europea, siti e giornali non conoscono confini,
Dovresti andare in altri paesi dove è più difficile avere una rogatoria internazionale.
Inoltre, per quello che conosco QT e Ettore Paris, mai e poi mai si nasconderebbero dietro un nickname….

non hai capito lex dura

comunque si potrebbe fare l' ipotesi che se Qt Paris teme di essere penalizzato in questo modo e' perche' ha intravisto solo la punta dell' iceberg sotto il quale ci sono cose molto più grosse ( quantitativamente
e qualitativamente di gestione ) che evidentemente non devono diventare di pubblico dominio...
e' solo un ipotesi ,pensare male e ' brutta cosa

non hai capito lex dura

per intenderci e' ovvio che se pubblichi dall' astero non lo fai a nome di cittadini italiani perseguibili ( in Italia) lo fa a nome di
Achille Paris ( rifugiato in svizzira in quanto perseguitato politico dal regime xyz ) invece che Ettore e il problema e' risolto
oppure se temi la fine dei fratelli Rosselli ti copri con un ulteriore prestanome

non hai capito lex dura

non hai capito : la mia proposta no non spostare Qt su serve estero
ma di chiudere Qt e aprire un altro giornale su una sede estera
in modo che un eventuale controversia si di competenza di
un tribunale non locale ( trentino Italia)
a quel punto se uno teme accanimento può' anche scrivere
con un prestanome , tutto si svolgerebbe fisicamente all' estero
dalla scrittura dei testi alla pubblicazione
che Paris sara' assolto e' tutto da dimostrare e da vedere
anche durnwalder sembrava dovesse venire assolto
rimane latente un clima di intimidazione tipico dei regimi

un giornale su server esteri ??? Gifra

Se gli articoli fossero anonimi il server estero andrebbe benissimo!
Ma il reato di "diffamazione a mezzo stampa" colpisce l'autore, non dove è depositato il server o pubblicato il giornale!" ,
Sono sicuro comunque che QT ne uscirà benissimo perchè non ha detto "balle"....

SED lex dura lex una modesta proposta

caro Paris
i tempi goliardici di berlusconi sono finiti
se vuole continuare a scrivere liberamente
sulle questioni del ' vero' potere in trentino
e' meglio che chieda il giornale e lo faccia riaprire
in Austria o in svizzera o in Francia forse perfino in Russia
in modo tale che le eventuali controversie
siano gestite da tribunali locali
( con la tecnologia può' fare in modo di pubblicare
su server esteri ,come se scrivesse dall' estero
rimanendo fisicamente in trentino)
la sentenza non si discute ma da come scrive
sempre voglia trasmettere la sensazione che
la vogliano intimidire .comunque vada l' appello
sembra che si prospettino tempi duri per lo voci critiche
proprio nel tempo del governo della sinistra 'pigliatutto'
e dell' autonomismo austriacante pantirolese
se sente che la stanno intimidendo lo faccia!
una voce critica in meno sarebbe comunque una dimiutio
per la democrazia e a società civile in trentino !
Scrivi un commento

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Gli utenti registrati non devono inserire il codice e possono modificare il proprio commento dopo averlo inserito.

Riporta il codice di 5 lettere minuscole scritto nell'immagine. Puoi generare un nuovo codice cliccando qui .

Attenzione: Questotrentino si riserva la facoltà di cancellare commenti inopportuni.