Menù
Home
QT
Questotrentino
Mensile di informazione e approfondimento
Utente
Cerca

Sezione principale

Politica o maschilismo?

Del Pero Mario-Veronica Bridi

All’approssimarsi del congresso in cui sarà eletto il nuovo segretario provinciale dei DS, il candidato Mauro Bondi (E' politica o solo maschilismo?) ha deciso che fosse giunto il momento di dire finalmente qualcosa di sinistra. Quale miglior argomento - avrà pensato Bondi - di quello, così caro alla storia e alla tradizione della sinistra, costituito dal problema della discriminazione delle donne? Peccato che Bondi, come ammette candidamente nel suo macchiettistico intervento, abbia sentito l’esigenza di occuparsi di questi temi soltanto nell’imminenza del congresso provinciale dei DS. Una questione tanto seria è risolta nel suo articolo in un cumulo di banalità e di luoghi comuni che - tra calze autoreggenti e problemi di priapismo - assumono toni quasi boccacceschi. La complessità del problema viene ridotta da Bondi alle difficoltà politiche di Margherita Cogo e Wanda Chiodi (guarda caso tra i suoi principali sponsor nella corsa alla segreteria) o all’approfondita riflessione sulle gambe di Iva Berasi (apprezzamenti che la dicono lunga sullo sguardo con cui lo stesso Bondi guardi all’emisfero femminile...).

Alle donne, oltre al danno di una continua subalternità nella società e nella politica trentina, resta la beffa di vedere i loro problemi strumentalizzati in questo modo. A noi elettori di sinistra quello di vedere - all’interno delle file che ancora sentiamo nostre - temi così rilevanti trattati tanto superficialmente da persone evidentemente non all’altezza della carica a cui aspirano.

P.S.: Era proprio necessario che QT pubblicasse un articolo tanto inutile e autopromozionale?